Siccità: Lombardia, -53% riserve idriche rispetto alla media

Tavolo Regione diventa permanente. Danni agricoltura da 417 mln

Redazione ANSA MILANO
(ANSA) - MILANO, 12 OTT - I dati comunicati da Arpa Lombardia confermano "una grave situazione di deficit" delle scorte idriche rispetto ai dati medi del periodo: le riserve accumulate negli invasi idroelettrici montani e nei grandi laghi regolati sono inferiori del 53% rispetto alla media di riferimento (2006-2020). Alla scarsità di precipitazioni del periodo dicembre 2021-giugno 2022, di solito ricchi di neve e precipitazioni, si sono associate temperature particolarmente alte nella stagione estiva, che hanno esacerbato una situazione già difficile. E i danni al comparto agricolo "sono stati ingenti".

Sono alcune delle riflessioni che emergono dal 'Tavolo per l'utilizzo idrico in agricoltura' tenutosi oggi in Lombardia dopo l'emergenza siccità che ha colpito la Regione. "Tutti gli intervenuti - spiega l'assessore regionale alla Montagna Massimo Sertori - hanno accolto positivamente la nostra proposta di far diventare permanente questo tavolo" con lo scopo di "condividere con gli operatori, le associazioni di categoria e gli enti interessati le misure che dovranno essere messe in campo nel medio periodo". Come sottolinea poi l'assessore regionale all'Agricoltura, Fabio Rolfi, "saremo in pressing sul governo per i risarcimenti alle aziende per i danni causati dalla siccità", i quali "ammontano a 417 milioni per la Lombardia".

Inoltre, verrà chiesto anche "un impegno a velocizzare l'autorizzazione per i pozzi e i prelievi dalle cave - conclude Rolfi - e il monitoraggio costante delle riserve idriche".

(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA