D. Buonaiuto,basta dipendenza telefonini

L'intervento dopo l'appello del pontefice

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 15 GEN - Prendendo spunto dalle parole di Papa Francesco che ha richiamato recentemente genitori e figli a spegnere il telefonino almeno a tavola, don Aldo Buonaiuto, direttore di In Terris e sacerdote della Comunità Papa Giovanni XXIII, lancia un appello: "Almeno un'ora al giorno rialziamo la testa, stacchiamoci dalle catene di una dipendenza subdola e menomante. Altrimenti anche noi rischiamo di essere usati dalle nuove forme di comunicazione spersonalizzanti piuttosto che dimostrarci responsabili utilizzatori di strumenti concepiti al nostro servizio e diventati invece moderne dorme di schiavitù.
    Nei padri del deserto troviamo la soluzione: 'fuggi, taci, placati'. Ma oggi quale 'fuga mundi' è possibile se il mondo è diventato tascabile?".
    Don Buonaiuto sottolinea come oggi "i tempi necessari alla riflessione e al discernimento vengano considerati inutili, prevale ovunque la dittatura della velocità, il termine inglese 'smart' è divenuto sinonimo di efficienza e rapidità di pensiero e azione. Sui social rimbalzano come in un video game immagini di guerre, giovani vite spezzate sulle strade, bimbi che affogano in mare, gossip regale e persino dispute dottrinarie che tengono banco sui mass media mondiali - spiega don Buonaiuto -. Cosa hanno in comune questioni così diverse? Il disprezzo per la lentezza, identificata come negazione di una modernità che divora tutto nel lampo di un tweet. Non c'è ormai colloquio nel quale si possa guardare l'interlocutore negli occhi per più di un minuto, basta un trillo per indurre a chinare la testa sul nuovo despota: la tecnologia. Persino durante la messa si scappa dalla Chiesa quando il tiranno richiama il suo schiavo".
    (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA