Di Bella, una legge per Liberi scegliere

Presidente Tribunale minori Reggio,altrimenti esperienza morirà

Redazione ANSA REGGIO CALABRIA

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 30 DIC - "Senza una legge nazionale, l'esperienza di 'Liberi di scegliere' morirà". Lo ha detto il presidente del Tribunale per i minorenni di Reggio Calabria, Roberto Di Bella, facendo riferimento all'iniziativa da lui promossa che ha consentito di togliere alle famiglie di 'ndrangheta decine di ragazzi avviandoli ad una nuova vita in contesti in cui possono crescere lontani da contesti legati alla criminalità organizzata.
    Un progetto che ha registrato il sostegno delle madri dei ragazzi e che ha ispirato l'omonima fiction televisiva in cui il presidente Di Bella é stato interpretato da Alessandro Preziosi.
    Di Bella, che si accinge a lasciare il suo incarico per scadenza naturale, é intervenuto ad un incontro a Reggio Calabria nel salone delle udienze del Tribunale per i minorenni organizzato da Libera e dal Centro Comunitario Agape presieduto da Mario Nasone. All'iniziativa ha partecipato la deputata del Movimento 5 stelle Dalila Nesci, firmataria, insieme ad altri parlamentari, di un disegno di legge per dare continuità al progetto "Liberi di scegliere".
    "Bisogna stabilizzare l'esperienza di 'Liberi di scegliere' - ha detto Mario Nasone - per consentire che prosegua anche dopo l'esperienza del presidente Di Bella a Reggio Calabria, sostenuto dall'impegno della rete sociale nazionale che l'ha supportato".
    "Dopo la sperimentazione positiva - ha detto ancora il presidente Di Bella - i tempi sono maturi per dare una cornice legislativa ad un lavoro che si è basato molto sul volontariato e sull'inventiva di uffici che, adesso, però, hanno bisogno di strumenti e risorse. I protocolli che sono stati stipulati sono soluzioni provvisorie. I numeri di questa esperienza possono diventare più importanti se affiancati da una normativa che dia riferimenti e certezze". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA