A Gioia Tauro "Accetto il L'Accetto"

Per rendere operativa cultura inclusione

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 5 GEN - Venerdi 10 Gennaio, dalle ore 10.00 alle ore 13.00, l'associazione M'aMa-Dalla Parte dei Bambini presso la Sala Fallara in piazza del Mercato di Gioia Tauro (RC) presenta il Progetto sperimentale sul territorio calabro "Accetto il L'Accetto".
    L'iniziativa è patrocinata dalla Città Metropolitana, dal Comune di Gioia Tauro e resa possibile dall'interessamento dell' Assessore alle Politiche Sociali Francesca Guerrisi e dal Sindaco di Gioia Tauro Aldo Alessio entrambi determinati a "rendere operativa la cultura dell'inclusione nel nostro territorio partendo dalla disabilità invisibile, ovvero da tutte quelle forme di disabilità che non si mostrano attraverso un decadimento fisico o la necessità di ausili".
    "I portatori di questa particolare disabilità nel vivere quotidiano sono spesso oggetto di dubbi, fraintendimenti, incomprensioni - specifica Rossana Villari, responsabile Punto M'aMa Calabria - nei contesti pubblici sono costretti a giustificarsi e a spiegare cosa gli accade vedendo costantemente messa in dubbio la loro credibilità. Episodi che portano grande disagio a se stessi e alle proprie famiglie, tra giudizi e pregiudizi".
    L'associazione M'aMa-Dalla Parte dei Bambini, attraverso il progetto sperimentale "Accetto il L'Accetto", intende offrire alle famiglie del territorio l'opportunità di potersi recare in luoghi pubblici prestabiliti (ristoranti, areoporti...) con il proprio bimbo/ragazzo affetto da disabilità invisibile, e essere "accettati" in un clima accogliente anche grazie alla presenza di un personale adeguatamente formato. In un solo anno dall'apertura il Punto M'aMa Calabria ha stipulato un Patto di intesa con il Comune di Gioia Tauro come centro di in-formazione, promozione e orientamento per aspiranti genitori affidatari, single e coppie del territorio.
    Per la realizzazione del progetto sperimentale Accetta il L'Accetto i referenti del Punto M'aMa si mostrano determinati nella ricerca di sponsor e patrocini: "Crediamo fortemente nell'utilità di questa iniziativa per la quale abbiamo intenzione di chiedere un contributo alla Regione, alla Città Metropolitana e alla Città degli Ulivi, certi della loro sensibilità a queste tematiche già dimostrata in altre occasioni - specifica Marco Dato, referente Punto M'aMa Calabria insieme alla Villari - naturalmente la possibilità di contribuire è aperta anche a qualsiasi privato cittadino, che voglia anche solo rinunciare a un caffè".(ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA