Borsellino: in Consiglio Piemonte delibera beni confiscati

Presentata dall'assessore Marrone, con 900mila euro per riuso

Redazione ANSA TORINO

(ANSA) - TORINO, 19 LUG - E' iniziata questo pomeriggio in Consiglio regionale la discussione di una proposta di deliberazione presentata dall'assessore Maurizio Marrone sui contributi per il recupero dei beni confiscati alle mafie. Il provvedimento, condiviso in modo bipartisan dalle forze politiche, era stato licenziato all'unanimità dalle Commissioni congiunte Affari Istituzionali e Legalità.
    La Regione, ha spiegato Marrone, al fine di sostenere i progetti che prevedono il riutilizzo dei beni confiscati alla criminalità organizzata, interviene con l'erogazione di contributi per 900mila euro nel biennio 2022-2023 con i quali sostenere gli interventi legati al riuso di tali beni da parte dei Comuni che li hanno avuti in assegnazione.
    L'approvazione della delibera, ha sottolineato il consigliere M4o Giorgio Bertola, "nell'anniversario della strage in cui morirono il giudice Borsellino e gli agenti della sua scorta, "assume un significato particolare".
    Il consigliere Pd Diego Sarno, che ha presentato un ordine del giorno collegato al provvedimento per chiedere che oltre ai Comuni vengano inseriti fra i beneficiari anche gli enti del Terzo Settore, e che le risorse vengano mantenute anche negli anni successivi al primo biennio, ha sollecitato l'Aula affinché "in occasione dell'anniversario di via D'Amelio, alle 16.58 il Consiglio regionale si fermi in ricordo di chi ha sacrificato la vita per combattere la criminalità organizzata". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA