ANSAcom

Cosmesi: 2020 chiude a -11,6%, assemblea per ripartenza

Ancorotti, stime più contenute previsioni testimoniano resilienza

MILANO ANSAcom

Nel 2019, prima dell'emergenza, la cosmesi Made in Italy aveva raggiunto un fatturato di 12 miliardi di euro. La pandemia avuto un impatto importante su una parte del settore, provocando una flessione del fatturato stimata attorno agli 11,6 punti percentuali. A condizionare questo risultato è stato il mercato interno, che perde il 9,3%, ma soprattutto l'export, che segna un calo del -15%: "con ogni probabilità", dunque, il 2020 si chiuderà a 10,5 miliardi di euro. A illustrare i numeri del settore è stato il presidente di Cosmetica Italia Renato Ancorotti, nel suo discorso introduttivo all'assemblea pubblica 'Un'industria che fa bene al Paese. La resilienza del comparto cosmetico nazionale: un nuovo paradigma per il rilancio del settore'.
"Nel leggere questi dati caratterizzati da un segno negativo - ha commentato Ancorotti - dobbiamo innanzitutto comprendere le difficoltà che le nostre aziende hanno affrontato: dal lockdown alla chiusura di molti esercizi distributivi, dalle tensioni sui mercati esteri e nel reperire le materie prime al cambiamento delle abitudini di acquisto". Per il presidente degli industriali del beauty, tuttavia, "queste stime, fortunatamente ben più contenute rispetto a quanto ci saremmo aspettati solo pochi mesi fa, testimoniano la decisiva capacità di reazione del nostro settore che, in un contesto di crisi, dà prova di solidità, capacità imprenditoriale e resilienza". Dunque, l'assemblea di quest'anno, per la prima volta trasmessa in streaming, "è ancora più importante, perché vuole segnare, simbolicamente, un nuovo inizio. Siamo pronti per un nuovo Rinascimento. Con responsabilità e con prudenza, ma anche con decisione, ripartiamo".
L'industria della bellezza si dice pronta ad affrontare con determinazione le sfide del futuro, come digitalizzazione e ecommerce, ma senza dimenticare l'importanza delle fiere fisiche. "Le 'fiere smart' sono una misura ponte in vista della ripartenza delle iniziative in presenza che ci auguriamo possa avvenire nel 2021", ha auspicato l'ambasciatore Lorenzo Angeloni, direttore generale per la promozione del Sistema Paese Maeci. Sul fronte degli sostegno alle imprese, "bene i fondi Simest per l'internazionalizzazione. Le richieste sono state superiori al fondo e adesso noi abbiamo chiesto di continuare a erogarli", ha commentato il vice presidente di Confindustria Barbara Beltrame.
Importanti anche le opportunità offerte dall'economia circolare. Per il presidente di Federchimica Paolo Lamberti, "in Europa con il New Green Deal la sostenibilità sarà centrale nelle strategie delle istituzioni. L'industria chimica e l'industria beauty dimostrano di essere all'avanguardia. Essere sostenibili vuol dire poter offrire occasioni di lavoro qualificato alle nuove generazioni e quindi contribuire allo sviluppo del Paese".

In collaborazione con:
COSMETICA ITALIA

Archiviato in


        Modifica consenso Cookie