Food

Da un museo a un giardino fiorito, i ristoranti più belli di Ny

Non solo posti per mangiare ma anche vere e proprie destinazioni

Serra by Birreria' sul rooftop di Eataly Flatiron © ANSA
  • di Gina Di Meo
  • NEW YORK
  • 03 aprile 2022
  • 19:58

 In alcuni sembra come entrare in una galleria d'arte in altri come fare un salto in un paesaggio italiano oppure come essere catapultati su un set hollywoodiano.
    A New York, tra centinaia di migliaia di ristoranti per le cucine provenienti da tutto il mondo, andare a pranzo o a cena fuori non è solo una scelta dettata dal menù ma anche dall'atmosfera e dalle sensazioni visive che si provano stando a tavola.
    I ristoranti sono spesso quindi anche delle vere e proprie destinazioni che stupiscono per la loro bellezza. E gli italiani si difendono bene nella classifica di quelli più belli.
    Se avere un giardino è un sogno e un lusso in particolare per chi risiede a Manhattan, basta fare fare un salto da 'Serra by Birreria' sul rooftop di Eataly Flatiron e come dice il nome si sta a tavola circondati da fiori e piante come in un giardino botanico.
    Un piccolo museo all'ombra di Central Park è 'The Leopard at des Artistes', ristorante italiano nonostante il nome francese, tra le altre cose tappa fissa per il regista Steven Spielberg quando è nella Grande Mela. La sala è decorata con opere della serie 'Fantasy Scenes with Naked Beauties' realizzata dal famoso illustratore americano Howard Chandler Christy a partire dal tardo 1920. All'epoca l'artista viveva nella città di New York e aveva lo studio all'Hotel des Artistes.
    Alla ricerca di un'atmosfera vintage Italiana? Nell'East Village 'SPES', parola latina per speranza, con un ambiente caldo e accogliente, ma con un'anima Pop visto che si tratta di New York, racconta la storia di un'Italia sofisticata. Fanno bella mostra alle pareti, tra gli altri oggetti, un orologio delle vecchie stazioni ferroviarie italiane e una foto originale del 1976 di una vespa in un'officina di Milano.
    Una sera a cena da 'Lamia's Fish Market' sempre nell'East Village vuol dire ritrovarsi come immersi in un acquario.
    Decorato con diverse tonalità di blu e con motivi da ambiente marino, il profumo del menu' a base di pesce fa immaginare di essere accarezzati da una leggera brezza oceanica.
    'Le Coucou' a SoHo porta un pezzo di Parigi a New York non solo nel menù ma anche con l'atmosfera tipica della Ville Lumiere.
    Lo dice la parola stessa, Peak (in italiano cima o sommità) a Hudson Yards, al top dell'osservatorio Edge, ad un'altezza di oltre 340 metri, offre una vista spettacolare sullo skyline della Grande Mela. Indescrivibile la sensazione che si prova cenando al tramonto.
    Per i nostalgici del passato e per sentirsi un po' in atmosfera da Gilded Age, il 'Grand Central Oyster Bar' resta un punto di riferimento della ristorazione a New York. Contemplando i soffitti a volta dell'iconico edificio in Beaux-Arts della stazione Grande Central, dal 1913, l'Oyster Bar è il posto dove mangiare prelibate specialità di pesce, in particolare ostriche e aragoste. (ANSA).
   

Vai al Canale: ANSA2030
Modifica consenso Cookie