Caro benzina, italiani riducono spostamenti in auto

Per 72% aumento importante dei prezzi cambia abitudini

Redazione ANSA MILANO

 Aumentano i prezzi dei carburanti e gli automobilisti italiani riducono gli spostamenti in auto. Il dato è quello che emerge da una ricerca commissionata da Facile.it e MiaCar.it, per aggiornare le conoscenze in termini di utilizzo delle automobili da parte degli utenti delle strade.
    Negli scorsi mesi gli automobilisti italiani hanno dovuto fare i conti con il caro-carburante, tanto che, come dimostrato dagli istituti mUp Research e Norstat, il 72% dei rispondenti ha dichiarato di aver cercato di ridurre gli spostamenti in auto proprio a causa dell'aumento dei prezzi.
    La spesa a cui gli automobilisti devono far fronte annualmente è importante. Come si legge sempre nell'indagine, realizzata su un campione rappresentativo della popolazione nazionale, per rifornirsi alla pompa di carburante, in media, gli italiani pagano 1296 Euro l'anno. Analizzando i dati su base territoriale, poi, emerge che il conto più salato è quello cui devono far fronte gli automobilisti residenti nel Centro Italia (1356 euro), quello più leggero, invece, è al Nord Est (1152 euro). Altri dati che emergono dall'indagine sono quelli più specifici sull'uso dell'auto e per i quali gli uomini, che percorrono in media 12441 chilometri l'anno a fronte dei 10973 km del campione femminile, mettono a budget circa 1404 euro l'anno, vale a dire il 18% in più rispetto alle donne (1188 euro).
    Dal punto di vista anagrafico, invece, sono gli automobilisti con età compresa tra i 35 e i 44 anni a spendere di più (1428 euro l'anno), mentre gli over 65 quelli che spendono meno (1056 euro). In base all'indagine, tra i 25 milioni di italiani che hanno preso la decisione di ridurre l'uso dell'auto a causa del caro benzina, il 43,1% ha dichiarato di aver eliminato gli spostamenti superflui, il 28,4% ha scelto di muoversi a piedi anziché sulle quattro ruote, mentre il 13,5%, ha optato per i mezzi pubblici. I più attenti al budget sono risultati essere i giovani con età compresa tra i 25 e i 34 anni (76,6%) e gli automobilisti residenti al Sud e nelle Isole (76,1%).
    Una nota confortante per gli automobilisti, sempre secondo la ricerca, viene invece dal mondo delle assicurazioni. Se il 2021 è stato un anno negativo dal punto di vista dei costi di rifornimento, l'altra voce di spesa che grava sul budget degli automobilisti, l'assicurazione, è rimasta su livelli bassi per tutto l'anno.
    Secondo l'osservatorio RC auto di Facile.it, realizzato su un campione di oltre 9 milioni di preventivi, a novembre 2021 per assicurare un veicolo occorrevano, in media, 436,03 euro, vale a dire l'8,17% in meno rispetto allo stesso mese dello scorso anno.  

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie