CES 2019, dall'auto alla connettività

A Las Vegas un 'assaggio' di ciò che vedremo sulle strade delle nostre città nel prossimo decennio

Andrea Silvuni Las Vegas

Le luci, rigorosamente Led, e i server di migliaia di reti wifi si sono spenti da poche ore al Consumer Electronics Show di Las Vegas (CES), il più importante evento al mondo dedicato alla elettronica di consumo e all'innovazione con oltre 4.500 aziende su una superficie di quasi 27 ettari. L'edizione 2019, visitata da circa 180mila addetti ai lavori, ha descritto l'attuale progresso nel mondo digitale e soprattutto le rivoluzioni che sensori, internet delle cose, robotica, network 5G per le telecomunicazioni e intelligenza artificiale stanno mettendo a disposizione dei consumatori.

''Il CES ha messo in mostra il potere dell'innovazione per risolvere i problemi globali e migliorare la vita in tutto il mondo - ha affermato Gary Shapiro, presidente e ceo della Consumer Technology Association che organizza l'esposizione -. La passione, le idee e le relazioni d'affari al CES rendono quella che si è appena chiusa ''la settimana più ispiratrice dell'anno''. Lo dimostra quanto sta accadendo nell'ambito della mobilità, spaziando dall'elicottero-drone della Bell fino allo skate monoruota per fuoristrada della Future Motion. Soprattutto nel mondo delle auto elettriche (molte delle quali anche autonome) di Audi, Bmw, Byton, Ford, Honda, Hyundai, Kia, Mercedes, Nissan. Al CES si è avuto anche un 'assaggio' di ciò che vedremo sulle strade delle nostre città nel prossimo decennio: molti colossi del settore High Tech - come Bosch ma anche ZF, Continental e Schaeffler - hanno infatti mostrato una inedita tipologia di veicoli, i mini-bus elettrici a guida autonoma, che circoleranno in 2,5 milioni di unità nel 2025 e che saranno utilizzabili in condivisone via smartphone. Il 'telefonino' sarà, del resto, il lasciapassare per entrare praticamente in tutti questi mondi futuri: servirà per aprire e avviare l'auto ma anche per parcheggiarla senza bisogno di essere a bordo, per comandare droni o per attivare trolley-robot che ci seguono in aeroporto senza impugnare la maniglia.

Un mondo digitale che richiederà però network adeguati, con una capillare diffusione del 4G e soprattutto del 5G che - per la sua importanza nei collegamenti dati affidabili e rapidi - avrà funzione di vero ecosistema.''Il 5G cambierà tutto, e permetterà molto più di quello che abbiamo visto offrire dalla tecnologia wireless'', ha detto Hans Vestberg, ceo di Verizon, numero uno della telefonia mobile in Usa. Oltre alle tante novità nel settore degli smartphone, dei tablet e dei televisori - guidate, in molti casi, dall'arrivo dei display pieghevoli - il tema della sicurezza è stato probabilmente il più discusso. Non saranno solo enti e organizzazioni ad evitare truffe e hackeraggi (al CES era presente anche uno stand dell'Fbi) ma piuttosto sensori, video e robot che aiuteranno a sorvegliare ciò che accade attorno a noi. L'analisi dei dati registrati da telecamere in un nuovo sistema Bosch scopre, ad esempio, il focolaio di un incendio in pochi secondi, e permette di dare l'allarme ben più in fretta rispetto ai sensori dei fumi.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: