GdF Parma sanziona distributori di benzina

Irregolarità nella comunicazione e pubblicità dei prezzi

Redazione ANSA PARMA

Venti violazioni per "omessa comunicazione" e altre cinque in materia di "pubblicità dei prezzi". Queste le sanzioni comminate dalla Guardia di Finanza di Parma che ha effettuato oltre 200 controlli sui mezzi destinati al trasporto dei carburanti e altri 47 controlli presso i distributori stradali.
    In venti casi è stata accertata l'omessa comunicazione al Ministero dello Sviluppo Economico dei prezzi praticati e in cinque la mancata o irregolare esposizione, in modo visibile sulla carreggiata stradale, dei prezzi praticati o una discordanza tra i prezzi esposti e quelli effettivamente applicati ai consumatori.
    Le attività di controllo sono state avviate anche sulla base di specifiche analisi di rischio effettuate dal Nucleo Speciale Antitrust della Guardia di Finanza, in base alle quali sono state individuate diverse stazioni di servizio che non avevano provveduto ad inviare al Ministero dello Sviluppo Economico le previste comunicazioni telematiche.
    Tali informazioni sono rese poi pubbliche sull'"Osservaprezzi carburanti" del Mise che consente di mappare, anche per area geografica, gli impianti esistenti su una determinata provincia e i prezzi praticati con riferimento all'ultima segnalazione settimanale inviata.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie