ZF e Danfoss JV per migliorare efficienza veicoli elettrici

Partnership per moduli di potenza al silicio e al carburo di silicio

Redazione ANSA ROMA

Con la finalità di migliorare l'efficienza delle trasmissioni elettriche sfruttando l'ingegneria e i benefici in termini di costi a livello di interfaccia tra i moduli di potenza e gli inverter, ZF Friedrichshafen AG e Danfoss Silicon Power GmbH hanno rafforzato la loro attuale cooperazione, con una nuova partnership strategica per i moduli di potenza al silicio e al carburo di silicio. ''Si tratta di una partnership solida e di lungo termine - ha detto Joerg Grotendorst, Head of ZF's E- Mobility Division - che consente a ZF e Danfoss di unire le proprie forze. Lavorando insieme, si apre un significativo potenziale di innovazione per migliorare la competitività tecnica e commerciale dei nostri inverter. Utilizzeremo questo vantaggio in tutte le nostre applicazioni per le trasmissioni, da quelle ibride fino a quelle totalmente elettriche''.

La partnership vedrà le due aziende impegnarsi congiuntamente in ricerca e sviluppo, con Danfoss come fornitore anche di moduli di potenza per applicazioni al silicio. Una delle principali tappe di questa nuova iniziativa è rappresentata da un contratto di fornitura per i moduli di potenza Danfoss destinato a progetti produttivi su larga scala di ZF. Oltre alle applicazioni tradizionali a 400 Volt, le due aziende hanno anche iniziato a co-sviluppare un modulo di potenza al carburo di silicio da 800 Volt per un progetto su larga scala, con l'obiettivo di raggiungere una posizione all'avanguardia in questo nuovo segmento. La Divisione E-Mobility di ZF fornisce sistemi e componenti per le trasmissioni elettriche, mentre Danfoss Silicon power GmbH (DSP) è specializzata nei moduli di potenza al silicio e al carburo di silicio. Unendo le forze per produrre innovative soluzioni tecnologiche aperte per trasmissioni destinate alla mobilità elettrica, i due partner mirano a fornire un contributo fondamentale alla riduzione delle emissioni dei veicoli. Nei veicoli elettrici e ibridi, i moduli di potenza controllano l'efficienza dell'energia fornita alla trasmissione, alla batteria e all'elettronica di bordo. Ciò significa che lo sviluppo di inverter salvaspazio e moduli di potenza più efficienti risulta fondamentale per ridurre le emissioni nel lungo periodo. ''Siamo orgogliosi di questa partnership con ZF - ha commentato Kim Fausing, CEO del Danfoss Group - Riteniamo che la stretta collaborazione tra Danfoss e ZF abbia il potenziale per rappresentare un punto di svolta nello sviluppo e nell'innovazione delle future trasmissioni per l'elettrificazione dei veicoli. Insieme, possiamo consentire un'accelerazione della transizione del settore dei trasporti''. I moduli di potenza di Danfoss potrebbero anche utilizzare chip di potenza sviluppati da ZF nella collaborazione annunciata di recente con lo specialista di semiconduttori Cree. Come uno dei principali produttori di soluzioni per l'elettromobilità, ZF mira a far progredire ulteriormente la tecnologia delle trasmissioni elettriche grazie alle partnership strategiche. Da gennaio 2016, ZF ha raggruppato le proprie attività nel campo dell'elettromobilità nella divisione E-Mobility basata a Schweinfurt, in Germania. Oltre 9.000 dipendenti lavorano nella divisione, sparsi in diversi siti in tutto il mondo. Danfoss Silicon Power è una consociata di Danfoss Group, la più grande realtà industriale in Danimarca. Per decenni, Danfoss Silicon Power ha supportato i principali produttori e fornitori di sistemi a raggiungere rigorosi obiettivi in termini di affidabilità, progettazione e costi, progettando, sviluppando e realizzando moduli di potenza personalizzati per applicazioni automotive, industriali e rinnovabili.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA