Media francesi, Renault ha cassetti pieni di modelli inediti

Da debutto ibride plug-in a nuovi suv e rivoluzionario Kangoo 3

Redazione ANSA ROMA

Quella che la coppia dei nuovi top manager Jean-Dominque Senard e Thierry Bollore si troveranno a gestire dopo l'uscita di scena di Carlos Ghosn è una Renault in ottima salute e, soprattutto, con i cassetti pieni di nuovi progetti. Un dettagliato rapporto del periodico francese L'Argus anticipa quelle che saranno le novità della Losanga nei prossimi 3 anni, a partire dalla Twingo restyling e dalla quinta generazione della Clio appena svelata. Per ciò che riguarda quest'ultimo modello L'Argus sottolinea come a fronte di una estetica senza rivoluzioni, la vera novità di Clio sia rappresentata dalla piattaforma CMF/B, che servirà a ingegnerizzate molti altri modelli di Renault e dell'alleata Nissan. Nel corso del primo semestre del 2019 saranno svelate le nuove generazioni (sostanzialmente dei restyling) di Espace, Talisman e Koleos, quest'ultimo arricchito con il motore 2.0 Blue dCi 200 Cv. Nel secondo semestre sarà invece la volta del reveal dell'elettrica Zoe 2 che beneficerà di una revisione del look con un frontale più importante - secondo lo stile delle ultime Renault - e di una inedita variante Initial Paris, ad esaltare i contenuti dell'abitacolo che, peraltro, proporrà lo stesso tablet verticale di Clio 5. Da notare che la produzione di Zoe 2 debutterà nello stabilimento di Flins, a iniziare dal prossimo giugno.

A fine anno - ma non è escluso che la data sia spostata a inizio 2020 - sarà la volta del nuovo suv Captur, realizzato sulla piattaforma CMF/B della Clio 5 che permetterà un leggero allungamento a favore dell'abitabilità. Sotto al cofano di Captur ci saranno per la prima volta nella gamma della Losanga i nuovi propulsori e-Tech Hybrid e Hybrid plug-in. Dal 2020 il motore e-Tech Hybrid a basso impatto ambientale sarà disponibili anche nella Clio 5, modello che nello stesso anno si arricchirà della variante sportiva RS con motore 1.8 The da 225 Cv. Ancora un debutto 'eco' nel corso del 2020: quello della Mégane e-Tech Hybrid plug-in, accompagnato dal restyling di tutta la gamma. Ma il prossimo anno una delle novità più importanti riguarderà il mondo dei 'multispazio', cioè quello di Kangoo 3.

L'Argus anticipa che questa terza generazione di questo modello servirà a Renault per contrastare il sucesso di Citroen Berlingo e Peugeot Rifter, e rivestirà un ruolo di spicco anche nella prosecuzione delle attività della JV con Mercedes, azienda che ha contribuito fattivamente alla progettazione e allo sviluppo di questo modello. L'estetica e la funzionalità di Kangoo 3 potrebbero essere 'rivoluzionarie' se è vero che l'ispirazione arriverà dal concept Frendzy del 2011. Nuovo Kadjar arriverà invece nel 2021, dopo il lancio della terza generazione di Nissan Qashqai prevista per il prossimo anno. La gamma motori comprenderà unità benzina, diesel e ibride plug-in. Nel 2022 Renault ha invece in calendario la nuova generazione di Mégane, che avrà una carrozzeria completamente rivista ma non si differenzierà meccanicamente dall'edizione che debutterà nel 2020. L'Argus fa notare che nei piani di Renault di cui è entrata in possesso non compaiono più la Scénic 'lunga' e nemmeno l'Espace. La spiegazione arriva dal calo d'interesse per le monovolume, fenomeno che confinerà Scénic ad una sola variante di carrozzeria e che attribuirà il ruolo di 'alto di gamma' al futuro Koleos 3 - totalmente riprogettato e previsto in versioni a 5 e 7 posti - previsto per il 2023. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA