Nissan Juke, il crossover audace che ha grinta 'da vendere'

Colpisce per precisione il sistema di assistenza ProPilot

Nuviana Arrichiello ROMA
LA PROVA DI
ANSA MOTORI

Atletica, muscolosa ma soprattutto ancora più grintosa. A dieci anni dal lancio, con oltre un milione e mezzo di esemplari venduti, Nissan Juke si rinnova mantenendo all'anteriore quei fari tondeggianti che lo contraddistinguono da sempre. Cresciuto di 7 cm nella lunghezza (a 4,21 metri) e di 10 cm nel passo, il crossover compatto della casa giapponese offre ora maggiore spazio per gli occupanti, mostrando un look decisamente più audace e di rottura. La linea delle fiancate è muscolosa, la silhouette esprime forte grinta e spiccato dinamismo, nel frontale campeggia la griglia Nissan V-Motion che ingloba i fari a Led.
  

  Novità riguardano anche gli interni: Juke offre più spazio per i passeggeri, con le sedute posteriori che hanno uno spazio per le ginocchia aumentato di ben 5,8 cm. Lo spazio posteriore per la testa è maggiore di 1,1 cm e la capienza del bagagliaio raggiunge i 422 litri, un +20% rispetto alla generazione precedente.
    L'abitacolo è stato ripensato per offrire stile e comfort grazie a una migliore posizione di guida, maggiore spazio posteriore, controlli e alloggiamenti più comodi e intuitivi.
    Nuovi materiali soft-touch per il cruscotto, per gli inserti delle portiere e del poggia ginocchia garantiscono un feeling decisamente premium, così come i sedili sportivi, con rivestimento opzionale in Alcantara o pelle. Oltre ad avere un'estetica gradevole e offrire un comfort elevato, i sedili anteriori incorporano l'innovativo sistema audio Bose Personal Plus, in grado di offrire un suono immersivo di alta qualità.
    L'impianto si comanda tramite il display "flottante" da 8" che facilita l'accesso ai servizi Nissan Connect.
    Disponibile unicamente con il motore 1.0 turbo a tre cilindri, in prova per ANSA Motori la versione da 114 cv abbinata ad un cambio manuale a sei rapporti, Juke si presenta come un vero e proprio urban-suv, sfoggiando all'occorrenza tutte le doti di maneggevolezza e compattezza che sono fondamentali per la guida in città.
    Tutto senza dimenticare i numerosi aiuti, come le tre telecamere 360, il blind assist per l'angolo cieco ed i sensori di parcheggio, che ci assistono nelle situazioni più disparate.
    Fuori città poi, la musica cambia. A velocità più sostenute, lontani dal traffico, il ProPilot rappresenta un valido aiuto quando ci si trova alla guida. Questo assistente personale è in grado di gestire contemporaneamente velocità di crociera, distanziamento dal veicolo che precede e mantenimento della corsia.
    Su nuova Juke è prevista - laddove consentito dalla legge - la guida autonoma senza l'ausilio delle mani: dopo qualche secondo il sistema avverte il conducente di riprendere il volante, prima con un segnale visivo e poi acustico. Grazie all'utilizzo degli Adas, al volante ci si rilassa, restando comunque sempre vigili alla guida.
    Chi conduce nuova Juke può apprezzare la maneggevolezza, con un handling decisamente convincente e sospensioni nella media del segmento. Le gomme da 19" rendono un po' 'saltellante' la marcia, soprattutto sui fondi sconnessi.
    Juke sviluppa complessivamente una potenza di 114 cv e raggiunge una velocità massima di 180 km/h. Con un'andatura briosa ma fluida, in città si possono percorrere circa 10 km con un litro, il consumo medio si aggira attorno ai 6,2 litri per 100 km. La versione in prova per ANSA Motori, in allestimento Tekna, in vendita a un prezzo di 26mila euro e disponibile anche con cambio automatico, si distingue per la sua elevata stabilità su strada, grazie anche ad una presenza più massiccia che la fa apparire ben piantata a a terra. Lo sterzo preciso dall'adeguata durezza attribuisce a Juke quella nota decisamente più dinamica e sportiva che da sempre rappresenta il tratto distintivo del crossover compatto giapponese.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie