ANSAcom

Tosse e febbre nei bimbi, genitori in ansia per l'autunno

In 'La salute naturale' pediatra risponde a dubbi più frequenti

ROMA ANSAcom

La febbre che sale, la tosse che non passa, l'otite che non fa dormire, il naso che cola di continuo, la gola che brucia e, ancora, dalla diarrea alla stitichezza, passando per il prurito. Sono i tanti piccoli problemi di salute che corrispondono ad altrettante ansie per i genitori. Ad affrontarli, con l'obiettivo di aiutare l'adulto ad acquisire serenità rispetto ai piccoli problemi di salute della crescita, è il libro "La salute naturale del bambino. Guida pratica ai problemi di salute più comuni a uso di genitori e nonni" (Edizioni Aboca, 2020, pag. 312), da settembre in libreria.

Risultato di un percorso di oltre 20 anni di ricerca sulle piante medicinali e 40 anni di pratica clinica da pediatra, il libro risponde alle tante domande che i genitori vorrebbero fare agli esperti, esplorando i problemi di salute più frequenti nei bambini. "La medicina moderna, pur avendo fatto grandissimi progressi nel trattamento di problemi di salute molto gravi, spesso non ha risposte efficaci nei confronti delle malattie più comuni dei bambini, ma, per andare incontro ai timori dei genitori, vengono prescritti molti farmaci, non sempre utili e con possibili effetti collaterali", spiega Vitalia Murgia, docente al Master in Fitoterapia dell'Università La Sapienza di Roma e docente al Master in Nutraceutica della Età evolutiva delle Università di Pavia.

In cima alla lista delle preoccupazioni sono, e lo saranno sempre più, in era Covid, le infezioni acute e ricorrenti delle alte vie respiratorie. In genere, sottolinea l'autrice, "i bambini, anche quelli in piena salute, possono avere 6-7 episodi di infezioni virali respiratorie all'anno; circa il 10-15% può arrivare ad avere fino a 12, ma diminuiscono crescendo". Ogni singola infezione 'indebolisce' temporaneamente il sistema immunitario e facilita le ricadute successive. Per aiutare l'organismo a difendersi, diversi studi mostrano l'efficacia di alcune sostanze naturali complesse estratte dalle piante medicinali, come echinacea e sambuco.

La tosse in genere guarisce da sola nell'arco di una decina di giorni ma gli scaffali delle farmacie però sono piene di sedativi, espettoranti, mucolitici, antistaminici e decongestionanti. "Quasi tutti questi farmaci hanno una efficacia debolmente superiore al placebo e possono dare effetti collaterali, mentre sostanze naturali complesse possono lenire la tosse, come malva, miele, piantaggine, altea. Non ha bisogno di presentazioni il propoli per il mal di gola, così come melissa, camomilla, valeriana e passiflora per i disturbi del sonno. I tannini del mirtillo, dell'agrimonia e della tormentilla, uniti ai flavonoidi della camomilla, aiutano in caso di diarrea perché riequilibrano la flora batterica dell'intestino, mentre olio di jojoba, di borragine o aloe riducono il prurito delle dermatiti. Per ogni sostanza naturale, "La salute naturale del bambino" specifica indicazioni, posologia, interazioni e anche quando è indispensabile rivolgersi al medico.

In collaborazione con:
Aboca

Archiviato in


        Modifica consenso Cookie