La sonda Bepicolombo pronta a partire per la base di lancio

Ok test prima del trasferimento per missione europea su Mercurio

Redazione ANSA

Si avvicina il momento del lancio per la prima missione europea per Mercurio, BepiColombo: è stato autorizzato per fine aprile il trasferimento dal centro scientifico e tecnologico dell'Agenzia Spaziale Europea (Esa) nei Paesi Bassi, alla base di lancio europea di Kourou, nella Guyana francese. Il lancio è previsto a partire dal 5 ottobre, con una finestra che si estende fino al 29 novembre.

La missione, il cui nome è un tributo al matematico, fisico, astronomo e ingegnere Giuseppe Colombo, detto Bepi, è frutto di una collaborazione tra l'Esa e l'agenzia spaziale giapponese (Jaxa); è fortemente coinvolta anche l'Italia, con l'Agenzia Spaziale Italiana (Asi) e l'industria, che vede la Thales Alenia Space (Thales - Leonardo) alla guida di 35 aziende europee.

"Arrivare fin qui è stato un percorso lungo e talvolta difficile, e c'è ancora molto da fare fino a quando non saremo pronti al lancio", ha detto Ulrich Reininghaus, responsabile del progetto BepiColombo per l'Esa, "ma siamo estremamente lieti di portare quello che abbiamo preparato al sito di lancio e sono grato a tutti coloro che lo hanno reso possibile", ha aggiunto, spiegando che intanto continueranno i test di lancio "per essere preparati al meglio al viaggio".


Timeline della missione BepiColombo (fonte: ESA)

Una volta a Kourou, saranno necessari ancora sei mesi per preparare il satellite, composto da 3 moduli e da uno scudo solare, a un viaggio di sette anni che lo condurrà verso la regione più interna del nostro sistema planetario, vicinissimo al Sole.

La missione prevede il lancio di due sonde destinate a entrare nell'orbita del pianeta: la prima, dell'Esa, si chiama Mpo (Mercury Planetary Orbiter), la seconda e' la giapponese Mmo (Mercury Magnetospheric Orbiter). Viaggeranno in coppia, collegate dal modulo europeo Mtm (Mercury Transfer Module), per studiare l'origine e l'evoluzione di Mercurio e il suo campo magnetico.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA