Economia circolare in vigna, dagli scarti all'automotive

Progetto Caviro-UniBo, stampa 3D con filamenti bioplastiche

Redazione ANSA FAENZA

Dagli scarti dei vigneti all'automotive, passando per la stampa 3D. È un passaggio che può suonare visionario ma che si può già toccare con mano grazie a un progetto di ricerca europeo che tra i suoi protagonisti ha il gruppo Caviro - la cooperativa agricola che imbottiglia, fra gli altri, il Tavernello - e l'Università di Bologna.

Tutti conoscono la cooperativa come il più grande vigneto e la più grande cantina d'Italia ma pochi sanno che Caviro è anche un esempio plastico di economia circolare. Della vigna del resto non si butta via niente, tanto che tutte le attività di valorizzazione degli scarti sono affidate a una società ad hoc, Caviro Extra, che conta per un terzo del fatturato del gruppo.

Parallelamente alle attività di recupero e valorizzazione degli scarti vitivinicoli - con cui si ottengono prodotti nobili, altre materie prime - dai fanghi di depurazione si sta mettendo a punto un sistema per la produzione di bioplastiche. A settembre scorso è stato messo in esercizio nel sito Caviro Extra di Faenza (Ravenna) il primo impianto prototipale Bplas-demo, progetto finanziato da Climate Kic con il coordinamento dell'Università di Bologna, per la produzione di un polimero che sarà testato all'interno di un altro progetto europeo per la produzione di packaging biodegradabile.

Parte dei fanghi di risulta degli impianti per le bioenergie, vengono "digeriti" ancora da nuovi enzimi che l'Università di Bologna sta sperimentando. Da questo processo si ottengono filamenti sottilissimi che possono, tra le ipotesi, diventare materiale per le stampanti 3D. "Ad oggi non c'è un ritorno economico per questa nuova industria ma se continuiamo a lavorarci qualcuno troverà il modo per ottenere bioplastica dagli scarti in modo economico", spiega SimonPietro Felice, direttore generale di Caviro. "Oggi quel poco di filamenti che riusciamo a ottenere lo usiamo per legare fili di vite alle travi. Il valore economico è pari a zero. Ma si potrebbero costruire materiali sempre più resistenti e a quel punto l'automotive potrebbe prenderli in considerazione".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie