Latte: Coldiretti,rincari elettricità e mangimi ma prezzo no

'Stalle vendono sottocosto prodotto/litro a industrie e coop'

Redazione ANSA FIRENZE
(ANSA) - FIRENZE, 28 GEN - Nelle stalle è boom rincari per gasolio, energia elettrica e mangimi ma il prezzo al litro del latte, che viene riconosciuto alle imprese zootecniche, è sempre lo stesso. Lo denuncia Coldiretti. E' tutto sulle spalle degli allevatori toscani, circa 200 i "superstiti" (-25% in dieci anni e -15% di capi), principalmente concentrati tra il Mugello e la Maremma, il "peso" degli aumenti fuori controllo di materie prime e speculazioni che hanno fatto schizzare l'inflazione al 3,7% nella nostra regione. Il carrello della spesa costa di più ed più vuoto ma non certo per colpa di chi produce il latte. Il prezzo al litro alla stalla, ovvero quanto pagato agli allevatori da cooperative ed industrie, oscilla tra 0,36-0,38 centesimi al litro, ben al di sotto del costo per produrre ogni singolo litro, mentre per un cartone di latte il consumatore finale può spendere anche fino 1,70-1,80 centesimi al litro.

Coldiretti Toscana ne scrive all'indomani del tavolo sul latte convocato dalla vicepresidente ed assessore all'agricoltura e all'agroalimentare della Regione Toscana, Stefania Saccardi a cui hanno partecipato insieme al presidente di Coldiretti Toscana, Fabrizio Filippi e al Presidente dell'Associazione Nazionale Allevatori, Roberto Nocentini, i rappresentanti delle organizzazioni sindacali e di alcuni gruppi della Gdo (Conad, Unicoop e Mukki) per chiedere l'attuazione dell'accordo nazionale.

"Lo tsunami di rincari non è ancora arrivato. Stiamo solo vedendo una parte dei consistenti aumenti che si sono abbattuti sulle imprese e sulle famiglie. - tuona Fabrizio Filippi, presidente Coldiretti Toscana - L'attuazione dell'accordo nazionale sul prezzo del latte non può essere disatteso. La Gdo non può fare finta di niente e girarsi dall'altra parte mentre le stalle chiudono. La Toscana sia di esempio non solo negli spot ma nella sostanza. Per un allevatore 3-4 centesimi al litro fanno la differenza tra restare aperti o chiudere per sempre perché quando una stalla chiude, chiude per sempre".

Nelle stalle, dove oggi la mungitura è meccanizzata, il costo della bolletta per l'energia elettrica è aumentato in due mesi del 40%, tetto destinato a salire fino al 50% a febbraio secondo una proiezione di Coldiretti; lo stesso è accaduto per i mangimi che in media hanno subito un rialzo del 30-40% e per il gasolio +50%. Per Coldiretti l'attuazione dell'accordo con la Grande Distribuzione Organizzata (Gdo) non può essere rimandato oltre.

Con la firma dell'accordo la Grande distribuzione organizzata si impegna affinché si valorizzino e si incrementino gli acquisti di latte Uht, latte fresco, yogurt e formaggi freschi e semi stagionati, tutti da latte 100% italiano, riconoscendo un premio emergenza stalle che viene corrisposto alle imprese della trasformazione per poi essere riversato integralmente agli allevatori, sino a 3 centesimi di euro al litro di latte, con una soglia massima di intervento pari a 0,41 euro/litro alla stalla, iva esclusa. Le imprese di trasformazione, incluse le cooperative, a loro volta - continua Coldiretti - si impegnano a riconoscere agli allevatori loro fornitori un premio aggiuntivo sino a 1 centesimo di euro al litro di latte entro la soglia fissata di 0,41 euro/litro alla stalla, iva esclusa, per il latte conferito nella Regione Lombardia, parametro dal quale determinare le soglie di premio indicativo per il latte conferito nelle altre regioni. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie