Le mostre del weekend, da Leonardo a McCurry

A Brescia le donne nell'arte dal Rinascimento alla Belle Époque

Marzia Apice MONZA

MONZA - Tante le suggestioni offerte dalle mostre in programma il prossimo weekend, dallo sguardo indagatore di McCurry all'universo femminile come fonte di ispirazione per i pittori, a partire dal Rinascimento e fino alla Belle Époque, e poi ancora il genio di Leonardo, seguendo il racconto compiuto dalle carte d'archivio, e i volti e le ombre dell'artista contemporanea Liao Pei.
    MONZA - All'Arengario dal 17 gennaio al 13 aprile 70 immagini raccontano la passione universale per la lettura, secondo la sensibilità di uno dei più grandi fotografi contemporanei: è la mostra "Leggere" di Steve McCurry che raccoglie gli scatti realizzati in 40 anni di carriera, opere in cui l'autore ha rappresentato persone di tutto il mondo, assorte nell'atto intimo del leggere.
    BRESCIA - Dagli albori del Rinascimento al Barocco, fino alla Belle Époque, le donne sono sempre state fonte di ispirazione per gli artisti: lo documenta "Donne nell'arte. Da Tiziano a Boldini", allestita dal 18 gennaio al 7 giugno a Palazzo Martinengo. Nel percorso 90 capolavori di artisti quali Tiziano, Guercino, Pitocchetto, Appiani, Hayez, Corcos, Zandomeneghi e Boldini, dedicati alla rappresentazione dell'affascinante complessità dell'universo femminile.
    MILANO - La Galleria Bottegantica ospita dal 17 gennaio al 29 febbraio "Novecento privato. Da de Chirico a Vedova": la mostra celebra il ritorno di grandi artisti del secolo scorso in quegli spazi storici (all'epoca gli ambienti erano occupati dalla Galleria del Naviglio) dove, nel secondo dopoguerra, essi erano stati accolti quali giovani protagonisti dell'arte del loro tempo. Il percorso si compone di 30 opere, in un suggestivo viaggio cronologico e visivo. Un focus sulla vita, sulle opere, sui luoghi e sull'uomo Leonardo, in una vera e propria passeggiata emozionale: è la mostra "Nero su bianco. Carte d'archivio raccontano Leonardo" allestita in occasione dei 500 anni dalla morte del genio italiano all'Archivio di Stato dal 16 gennaio al 28 marzo. La mostra si basa sulle fonti documentarie conservate nell'Archivio e si avvale anche delle tecnologie 2D e 3D. Tra i documenti più importanti anche l'unica firma autografa a oggi conosciuta di Leonardo, vergata da sinistra verso destra di fronte al notaio Antonio de Capitani in calce al contratto per la realizzazione del dipinto "La Vergine delle Rocce", oggi esposto al Museo del Louvre.
    ROMA - Apre il 18 gennaio "Riscatti di città", in programma fino al 17 febbraio a Palazzo Merulana: tra fotografia, grafica, video e progetti architettonici realizzati e visionari, l'esposizione offre una panoramica sullo scenario urbanistico e architettonico di Roma per mezzo di un approccio multidisciplinare al fine di stimolare (anche con una serie di attività correlate) la discussione e il confronto sul tema della rigenerazione urbana. "L'invisibilità non è un superpotere" è la mostra in programma dal 16 gennaio al 6 febbraio al WeGil: esposte 10 fotografie, scattate da Marzia Bianchi, e 10 radiografie (effettuate alle donne arrivate nei Pronto Soccorso) che raccontano il mondo di dolore e silenzio in cui vivono le donne vittime di violenza. Dal 15 gennaio al 6 marzo Visionarea Art Space ospita "Liao Pei. Liquid Shadow", mostra che presenta una selezione di pitture ad olio su tela realizzate nel corso del 2019 da una delle artiste cinesi più note a livello internazionale. Nelle opere, di grande impatto, Liao Pei dipinge volti, corpi, spiriti, fantasmi, anime che catturano lo spazio espositivo. Apre il 16 gennaio al Maxxi la mostra di Alessandro Valeri "An Iron Ring": allestita fino al 26 gennaio, l'esposizione presenta fotografie, video e installazioni e chiude il percorso di ricerca artistica e personale iniziato da Valeri nel 2011, dopo la visita dell'orfanotrofio di Zippori, vicino Nazareth, un istituto che accoglie bambini di ogni religione e cultura.
    PRATO - Alla Galleria Open Art la mostra "Guido Pinzani. La forma nel tempo della forma" dal 18 gennaio al 7 marzo: in questa antologica sono esposti circa trenta lavori, tra sculture in legno di grande formato e bronzi, molti dei quali inediti, esemplari unici mai esposti prima. (ANSA).
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie