'Le due rose', a Firenze una mostra dell'ucraino Pavlo Makov

Una quindicina di disegni su carta, alcuni anche con stampe

Redazione ANSA FIRENZE

FIRENZE - Una quindicina di opere, soprattutto disegni su carta, per la mostra personale di Pavlo Makov, artista che rappresenta l'Ucraina alla 59/a Biennale internazionale di Arte di Venezia, in corso fino a novembre.
    L'esposizione, a cura di Borys Filonenko, si aprirà domani, 27 ottobre, nella galleria Cartavetra, a Firenze. 'Le due rose', il titolo della mostra fa riferimento ai fiori curati dall'artista e dalla moglie nella loro casa in campagna.
    "L'immagine delle rose che danno il titolo al progetto di mostra è concreta - spiega l'artista -. Io e mia moglie ogni ottobre andiamo nella nostra casa fuori città per coprire le rose del nostro giardino, preservandole cosi dal freddo, e a marzo, ogni anno, le scopriamo nuovamente. Ci prendiamo cura delle nostre rose da vent'anni, e ora la nostra casa, a dieci chilometri dal confine, è occupata. Il nostro giardino, rovinato, e le nostre rose sono morte". La raccolta di opere presentate propone una riflessione sullo scopo dell'arte, necessariamente legata alla vita, a una visione tanto personale, quanto collettiva, della condizione umana. La rosa diventa metafora di vita da cui l'arte non può e non deve separarsi, abbassandosi a mero strumento di propaganda politica. Sulla base di questa volontà si concretizza il percorso espositivo, composto dalle più recenti opere dell'artista, molte delle quali realizzate proprio all'interno della galleria.
    "Sono concentrato sui disegni - spiega Makov - la rosa è un disegno con matite colorate, mentre in altre opere c'è anche un po' di stampa. Io non lavoro come pittore perché con la carta mi sento più libero. La pittura è come una dichiarazione, mentre il disegno è ricerca, il punto della matita è così piccolo e con quello si deve andare alla ricerca. Quello che io faccio è come un mio diario privato, più che un pezzo di arte. La carta mi dà la possibilità di tagliare, incollare e io mi sento libero".
    (ANSA).
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie