A Venezia i vetri di Maurice Marinot

Opere della maturità, 220 pezzi unici e 115 disegni

Redazione ANSA VENEZIA

VENEZIA - Maurice Marinot, artista francese nato come pittore 'fauve', esponendo spesso con il gruppo, ma divenuto una delle figure fondamentali per la storia del vetro moderno e contemporaneo, materia a cui si avvicino' casualmente nel 1911, è il nuovo protagonista de "Le stanze del Vetro", il progetto espositivo avviato dalla Fondazione Giorgio Cini e Pentagram Stiftung.
    La mostra dedicata a Marinot, dal 25 marzo al 28 luglio prossimi all'isola di San Giorgio a Venezia, presenta 220 pezzi unici in vetro e 115 disegni, tra schizzi e progetti per oggetti ed allestimenti. L'esposizione, in collaborazione con il museo arti decorative di Parigi, illustra dettagliatamente il percorso di Marinot, segnato da una ricerca e sperimentazione con il vetro evidenziando la sua "pesantezza", che ha influito anche maestri veneziani. Un confronto tra l'artista francese e il vetro, un rapporto che negli anni diventa "una lotta a due con la materia", che va dal 1911 al 1934. (ANSA).
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA