Omicidio a Valencia, pena dimezzata

Da 30 a 16 anni, riconosciuta la seminfermità mentale

Pena quasi dimezzata, da 30 a 16 anni, per Eder Guidarelli, 34 anni, che a luglio 2017 partì da Ferrara e andò a Valencia per uccidere Marcello Cenci, suo coetaneo, convinto che fosse suo rivale in amore. La Corte di appello di Bologna (presidente Pescatore, giudice a latere Del Bianco) ha riconosciuto all'imputato la seminfermità mentale, le attenuanti generiche e l'aggravante della minorata difesa. Il riconoscimento delle attenuanti equivalenti alle aggravanti è "inspiegabile" per l'avvocato dei famigliari della vittima, Valentina Bordonaro, che attende di leggere le motivazioni. La Procura generale, che con il sostituto pg Valter Giovannini aveva chiesto la conferma della sentenza di primo grado, potrebbe fare ricorso in Cassazione.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere
        Aeroporto di Bologna