Tommy, permesso a Conserva grazie alla Consulta

Il giudice di Sorveglianza: 'Consapevole del reato prova dolore'

Il permesso premio ad Antonella Conserva, condannata a 24 anni per il sequestro di Tommaso Onofri, bimbo ucciso a Casalbarancolo nel 2006, è la conseguenza di una decisione della Corte costituzionale: sono state ritenute illegittime norme che altrimenti le avrebbero impedito di usufruire del beneficio, dopo oltre 13 anni di detenzione.

Era stato il magistrato di Sorveglianza di Milano a valutare il caso della detenuta a Bollate, difesa dall'avvocato Corrado Limentani e a investirne la Consulta. La Corte a ottobre ha giudicato incostituzionale, perché viola gli articoli 3 e 27 della Carta, la legge che non consente di concedere permessi prima di aver scontato due terzi della pena, per il reato per cui è stata condannata. Il giudice aveva già sottolineato il percorso della donna che, pur continuando a negare di aver partecipato all'ideazione del rapimento, si è mostrata "assolutamente consapevole della gravità del reato" e manifesta "profondo dolore nei confronti della vittima e dei familiari".

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere
        Aeroporto di Bologna



        Modifica consenso Cookie