Covid-19, primi risultati positivi da eparina

Riscontri da sperimentazione in ospedale del Piacentino

Dal Piacentino arriva una nuova speranza di cura per i pazienti colpiti da sindrome Covid-19: arrivano i primi riscontri positivi dall'utilizzo di eparina nei casi di polmonite interstiziale dalla sperimentazione che è partita all'ospedale di Castel San Giovanni (Piacenza), il primo ospedale Covid in Italia dal 29 febbraio.

L'idea, spiega la Ausl di Piacenza, nasce dall'intuizione del primario di chirurgia plastica, Marco Stabile, che aveva già utilizzato l'eparina nella cura dei grandi ustionati. La terapia sfrutta da un lato il potere antiinfiammatorio dell'eparina e, dall'altro, la sua capacità anticoagulante. Elemento, quest'ultimo, che previene una delle maggiori complicanze osservate nei pazienti Covid positivi: la trombosi diffusa. Il trend positivo osservato sugli indici di infiammazione, spiega la Ausl, "conferma l'utilità dell'impiego in questa patologia".

"Penso che ogni trattamento farmacologico sperimentale in corso debba essere tempestivamente valutato dall'Aifa e successivamente validato dal comitato scientifico o dalla struttura commissariale, per poterne estendere il più possibile gli incoraggianti risultati documentati", commenta Raffaele Donini, assessore alle Politiche per la salute della Regione Emilia-Romagna.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Aeroporto di Bologna



        Modifica consenso Cookie