Da Napoli per il Futuro dell'Europa, l'asilo europeo non discrimini i migranti

Francesco Indiveri: "Non lasciamoli al loro destino"

Redazione ANSA

MAASTRICHT - "Penso che bisognerebbe formulare una direttiva europea per far sì che chi richiede asilo politico sia assistito con pari opportunità nel Paese in cui ha deciso di vivere". Questa è la proposta preferita da Francesco Indiveri, consulente legale 29enne di Napoli e tra i 200 cittadini partecipanti al quarto panel su migrazioni e ruolo dell'Ue nel mondo della Conferenza del futuro dell'Europa (Cofoe).

"I nostri hot spot sono pieni di persone che arrivano e non hanno futuro. Lasciare i migranti al loro destino senza aiuti credo sia davvero un crimine", ha sottolineato il cittadino italiano. "Queste persone hanno bisogno di essere inserite nel nostro contesto sociale, ma senza istruzione senza educazione, penso che possono soltanto abbracciare la criminalità. E questo non va bene perché noi dobbiamo aiutarli, non dobbiamo giudicarli", ha concluso Indiveri.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Modifica consenso Cookie