Dalla Calabria a Dublino per la cultura

Paolo Vittorio Mauro: "Qui per conoscere la vera essenza dell'Ue" 

Redazione ANSA

DUBLINO - Occorrono "leggi che non vadano a uniformare la cultura", ma a incentivare la diversità grazie alla quale "creare una cultura che possa essere definita europea". Così Paolo Vittorio Mauro, diciassettenne calabrese e uno dei 200 cittadini europei estratti a sorte per partecipare alla Conferenza sul futuro dell'Ue a Dublino.

"Sono qua per proporre le mie idee, confrontarmi con altri cittadini europei e venire a conoscenza di qual è l'essenza della comunità europea", ha aggiunto Mauro.

La sua è una delle proposte che in questi giorni ha elaborato il panel di cittadini dedicato a economia, giustizia sociale, lavoro, istruzione, cultura, sport e trasformazione digitale. Le raccomandazioni verranno poi discusse in plenaria l'11 e il 12 marzo al Parlamento europeo di Strasburgo.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Modifica consenso Cookie