Ong Ue, 'poster elettorale islamofobo'. E Pe lo ritira

In campo era sceso anche eurodeputato britannico

Redazione ANSA BRUXELLES

BRUXELLES - Un poster che ritrae due persone sedute e appoggiate a una recinzione e una di loro è una donna con un foulard sulla testa. Accanto la scritta: "Perché abbiamo bisogno di lavorare insieme per gestire la migrazione". E' uno dei manifesti elettorali della campagna istituzionale EE2019, presenti sullo "skywalk" del Parlamento europeo che si è deciso di ritirare dopo le critiche espresse dall'eurodeputato britannico Sajjad Karim (Gruppo dei Conservatori e Riformisti europei) nel corso della seduta plenaria lo scorso primo ottobre a Strasburgo. L'eurodeputato aveva obiettato che il manifesto poteva essere letto come un invito a gestire e "limitare l'ingresso dei musulmani in Europa". Giorni prima era scesa in campo la 'Rete europea contro il razzismo' che si era detta preoccupata per il manifesto. "Ringraziamo e ci congratuliamo con il Parlamento europeo per aver tolto questo manifesto xenofobo e islamofobo - ha detto Michael Privot, direttore di Enar -. Il fatto che nessuno nell'amministrazione del Parlamento europeo abbia messo in discussione i toni di esclusione del manifesto mostra quanto siano diventate normali le narrazioni islamofobiche e antimigratorie". Il Parlamento Ue precisa che, preso atto delle preoccupazioni dell'eurodeputato, il presidente Antonio Tajani ha chiesto che i manifesti fossero ritirati a Bruxelles e a Strasburgo. 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione europea nel quadro del programma di sovvenzioni del Parlamento europeo nell'ambito della comunicazione. Il Parlamento europeo non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre il Parlamento europeo non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."