Regeni: in mirino pm Roma altri cinque 007 Egitto

Conte, incontro tra Procure non dà automatico riposizionamento

(ANSA) - TRIESTE, 02 LUG - Ci sono almeno altri cinque uomini appartenenti agli 007 egiziani su cui la Procura di Roma sta svolgendo accertamenti in relazione al rapimento di Giulio Regeni, il ricercatore italiano ucciso nel febbraio del 2016 al Cairo dopo essere stato torturato. Si tratta di cinque colleghi degli ufficiali già iscritti nel registro degli indagati dal pm Sergio Colaiocco il 4 dicembre del 2018. I nomi degli altri agenti della National Security spuntano dai tabulati telefonici forniti nei mesi scorsi dalle autorità egiziane.
    E mentre continuano le indagini, ieri si è svolto un incontro tra le Procure di Roma e Il Cairo. Interpellato in merito dai cronisti, il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha detto di non essere "aggiornato": "ho letto qualche lancio di agenzia", ha spiegato. "Ovviamente - ha precisato - da un incontro non è che ne deriva automaticamente un riposizionamento dell'Italia, è una questione che seguiamo con la massima attenzione, non rimaniamo affatto indifferenti, ora acquisirò anche maggiori informazioni". (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere
      Nuova Europa



      Modifica consenso Cookie