Capo pronto soccorso Covid Lombardia, serve lockdown Italia

Bertolini, situazione drammatica, unica cosa è chiudere tutto

(ANSA) - MILANO, 27 OTT - Arrivati a questo punto, con una curva di crescita esponenziale dei contagi, "l'unica cosa che si può fare è chiudere tutto, un lockdown a livello nazionale. La situazione nei pronto soccorso è drammatica, non solo in Lombardia, ma ovunque a livello nazionale". A dirlo è Guido Bertolini, responsabile del Coordinamento Covid-19 per i reparti dei pronto soccorso lombardi.
    Bertolini spiega che "se vogliamo fermare l'epidemia, ora è il momento di chiudere tutto, non c'è altra strada. Se si fosse fatto qualcosa prima, quando lo si doveva fare, si sarebbero potute prendere misure più soft, ma ora non si può più e le misure prese dal Governo sono troppo blande. Non servono a contenere il fenomeno mostruoso che abbiamo di fronte". In Lombardia, a livello di pronto soccorso, precisa Bertolini, "la situazione più difficile è a Milano e Monza, ma anche in tutte le altre città la crescita è esponenziale". A differenza di marzo però, rileva l'epidemiologo, questa volta "non c'è comprensione di ciò che sta succedendo da parte della popolazione, che non capisce". E tenere aperto, conclude, "non significa far correre l'economia. Le conseguenze economiche sarebbero comunque enormi lasciando aperto - conclude -.
    Chiudere mette in difficoltà tantissime categorie, che la politica ha il dovere e il compito di tutelare. Se si tergiversa ancora, ci troveremo davanti all'irrimediabile". (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere
      Camera di Commercio di Milano
      Camera di Commercio di Milano



      Modifica consenso Cookie