Pm, archiviare indagine rogo Tontarelli

Consulente, fiamme accidentali. Nessuna condotta dolosa o colpa

L'incendio divampato il 16 aprile scorso in un deposito dello stabilimento Tontarelli Spa di Castelfidardo (Ancona), che produce casalinghi e altri oggetti in plastica, è da ritenersi una mera fatalità e non sono state evidenziate condotte colpose o dolose. E' la conclusione della Procura di Ancona dopo gli accertamenti svolti da carabinieri e vigili del fuoco senza che fossero riscontrate responsabilità.
    Per questo il pm Rosario Lioniello ha chiesto l'archiviazione del fascicolo aperto inizialmente nei confronti di otto persone iscritte nel registro indagati per incendio colposo. Il consulente tecnico della procura, il col. dei carabinieri Marcello Mangione, ingegnere civile dell'Arma, ha concluso per l'accidentalità delle fiamme divampate per un riscaldatore utilizzato dagli operai nel grosso ambiente del capannone e posto troppo vicino alle cataste della merce pronta per le spedizioni, tutta di materiale plastico.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere