Percorso:ANSA > Mare > Porti e Logistica > Diga Genova: Salini, opera strategica rimette lavoro al centro

Diga Genova: Salini, opera strategica rimette lavoro al centro

Progetto sfidante, telecamere 24 su 24 come per ponte S.Giorgio

13 ottobre, 16:00
(ANSA) - GENOVA, 13 OTT - "Siamo molto orgogliosi di essere stati selezionati per la costruzione della nuova diga foranea di Genova, opera strategica e di grande impatto per la città, che contribuirà alla creazione di un sistema integrato di trasporti per riportare l'Italia ad essere area strategica per il commercio nel Mediterraneo e porta per l'Europa". Pietro Salini, amministratore delegato di Webuild, a capo della cordata con Fincantieri, Fincosit e Sidra che si è aggiudicata la costruzione della nuova diga di Genova commenta così nel corso della conferenza stampa a palazzo San Giorgio la scelta e sottolinea: "Come tutte le infrastrutture è un'opportunità per rimettere al centro il lavoro e ridare fiducia alle famiglie e ai territori".

Per quanto riguarda l'aspetto tecnico, sottolinea che si tratta di un progetto "estremamente complesso dal punto di vista ingegneristico e particolarmente sfidante" che per il gruppo arriva dopo la costruzione di Ponte San Giorgio (e come per ponte San Giorgio ci saranno telecamere accese 24 ore su 24 in modo che si possano seguire i lavori) senza contare che Webuild sta realizzando anche il Terzo Valico.

Alle obiezioni di chi aveva definito irrealizzabile la diga con questo progetto, replica: "Ci occupiamo e ci siamo occupati di ingegneria e infrastrutture negli ultimi anni - dice Salini - e abbiamo realizzato qualcosa di abbastanza sofisticato come il canale di Panama. Il nostro gruppo ha ben ponderato e valutato le difficoltà che avrebbe affrontato con questo progetto: è chiaro che quando si parla di cento cassoni la cui altezza è grosso modo un palazzo di undici piani e si comincia pensare come si muovono e come si posano su una fondazione, ti stai misurando su sfide che sono al limite di tecnica e ingegneria: qui ci misuriamo con una diga che ha un record in termini di profondità. Sono le stesse domande che ci pongono anche per il ponte di Messina: si può fare? Tutto quello che non si è fatto prima quando si fa è una cosa che diventa semplice, penso che valga anche qui. Affrontiamo le difficoltà senza sottovalutarle ma anche senza sopravvalutarle". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA