COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale PRIMA PAGINA ITALIA

Dott. Nicola Santacroce: Chirurgia della cataratta senza bisturi

La chirurgia della cataratta oggi può essere eseguita in modo meno invasivo grazie all’avvento del Femtolaser. Inoltre grazie ai nuovi cristallini artificiali ( IOL PREMIUM) possiamo correggere i difetti di vista del paziente. Il dott. Nicola Santacroce è uno dei pionieri di questa chirurgia.

PRIMA PAGINA ITALIA

VIDEO INTERVISTA

E’ la prima causa di disabilità visiva ed è responsabile di più della metà dei casi di cecità al mondo. Stiamo parlando della cataratta, uno dei disturbi della visione globalmente più operati. Negli ultimi decenni, questo intervento è diventato sempre più sicuro ed efficace, grazie ai continui avanzamenti tecnologici. Ed oggi un nuovo passo avanti arriva dall'utilizzo di un particolare laser, detto a femtosecondi o femtolaser, insieme a lenti intraoculari di nuova generazione, strumenti che rendono l'intervento ancora meno invasivo e il risultato più preciso.

 

Dottor Santacroce, la cataratta è la patologia oculare più diffusa al mondo, il secondo intervento  sul corpo umano dopo l’estrazione dentale, a che punto si è oggi nell’evoluzione tecnologica di questa patologia?

La cataratta è un opacizzazione del cristallino, come giustamente detto è uno degli interventi più eseguiti al mondo. L’intervento costa nell’eliminare il cristallino opacizzato ed impiantare un cristallino nuovo  artificiale per permettere il recupero visivo del paziente. Le metodiche sono andate in due direzioni. Da un lato il miglioramento della tecnica chirurgica, dall’altro, il miglioramento del device utilizzato, ossia il  cristallino artificiale, meglio noto come IOL.  Quest’ultimo è stato notevolmente migliorato nel tempo, per creare una maggior soddisfazione visiva al paziente, ma anche al chirurgo.

 

Quali tecniche ci sono oggi? Si parla di FEMTO CATARATTA, lei che è stato tra i primi in Italia ad utilizzarla, ci vuole spiegare di cosa si tratta?

La metodica tradizionale nell’intervento di cataratta è la facoemulsificazione che esiste  da circa 35 anni e  ha sempre migliorato come efficacia. Oggi esistono facoemusificatori  più sofisticati rispetto al passato. Si praticano incisioni minori sugli occhi, come grandezza, e questo permette un miglior recupero da parte del paziente stesso. Aldilà della facoemulsificazione, tecnica storica nella chirurgia della cataratta, nell’ ultimo decennio si è affiancata un’ altra metodica, la cosiddetta Femtocataratta. Tale  metodica  utilizza un laser Femto che incide i tessuti emettendo aria. L’intervento di cataratta consta di 12 passaggi chirurgici. Nell’intervento di Femto cataratta, 10 di questi 12, sono fatti dal laser in soli 60 secondi. Quindi questo permette una maggior velocità di  esecuzione, esponendo a minor rischio chirurgico il paziente stesso.

 

Questa è una metodica sicura?

Molto sicura. Perché eseguita a bulbo chiuso, in tutte le fasi iniziali e soprattutto, con una velocità e standardizzazione dell’intervento molto elevata. In un minuto si riesce a fare l’80% dell’intervento stesso,in modo laser, e non è da poco.

 

Dottor Santacroce si parla sempre più di cristallini artificiali, per correggere i difetti di vista, vuole spiegare cosa sono?

I cristallini artificiale, noti come IOL,  sono dei device chirurgici, atti a sostituire il cristallino naturale opacato che viene annullato con l’intervento di cataratta. I cristallini artificiali, al pari della metodica chirurgica, hanno avuto notevoli miglioramenti nel tempo. Oggi esistono dei cristallini che permettono di compensare i difetti di vista semplici, le cosiddette IOL monofocali, che permettono di correggere ipermetropia e miopia. Esistono anche  le IOL Toriche, che permettono di compensare oltre al difetto di vista standard  anche gli astigmatismi. Esiste anche una nuova frontiera di cristallini artificiali, atti a correggere oltre che i difetti di vista da lontano anche quelli da vicino.E sono  le cosiddette IOL progressive e refrattive.

 

Esperienza e professionalità sono fondamentali nella scelta  della chirurgia da adottare ed anche nei device?

Aldilà dell’esperienza del chirurgo nell’eseguire l’atto chirurgico, anche la scelta del device va soggettivamente adeguata al paziente. Non tutti i pazienti possono  avere tutte le IOL. Il paziente che deve subire un intervento di cataratta e al quale vogliamo impiantare un  cristallino premium, (il cristallino che ci porta  a correggere  anche i difetti di vista più importanti), deve essere sottoposto ad esami preliminari ben specifici e tecnologicamente avanzati  pre operatori che permettono di ridurre al massimo il rischio di errori.

info :

nicosantacroce70@libero.it

https://studiooculisticosantacroce.com/

Indirizzo

Via Vittorio Pugliese 30, 88100 Catanzaro
Via dei Mille, 83, 88046 Lamezia terme

Telefono

0961701302 3358272758 - (Sede Catanzaro)
09681945682 - (Sede Lamezia Terme)

 

Archiviato in


Modifica consenso Cookie