• A Gravina in Puglia si inaugura la prima Panchina in Rosa Pugliese targata Una Stanza per un Sorriso
COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale Pagine Sì! SpA

A Gravina in Puglia si inaugura la prima Panchina in Rosa Pugliese targata Una Stanza per un Sorriso

Pagine Sì! SpA

A Gravina in Puglia alle ore 19.30 di oggi, 7 luglio 2020, sarà inaugurata la prima “Panchina in Rosa Pugliese”, che in Largo Giulianello – Via Vincenzo Ragni ricorderà a tutti l’importanza della prevenzione del tumore al seno, sottolineando quanto sia fondamentale prendersi sempre cura del proprio benessere e della propria salute.

L’iniziativa, promossa dall’Associazione “Una Stanza per un Sorriso – ODV” presieduta dalla dott.ssa Rosanna Galantucci, ha già visto la partecipazione dell’artista Davide Mangione, già autore di illustrazioni di romanzi, racconti, raccolte di poesie e fiabe di autori vari e presente presso l’Accademia di Belle Arti di Bari come ‘Cultore della Materia’, che ha firmato la panchina d’artista con una donna sdraiata che volge il suo sguardo al sole.

“La panchina rosa della prevenzione e della solidarietà che inauguriamo oggi a Gravina in Puglia è la prima di una lunga serie, perché ora più che mai è fondamentale far sentire la nostra vicinanza a chi soffre, aiutando anche tutte le donne a ricordarsi di quanto sia importante fare prevenzione per evitare l’insorgenza di possibili malattie. Per questo motivo siamo contenti dell’accoglienza che ci ha rivolto l’amministrazione comunale e regionale nell’approvazione del nostro progetto, che ha trovato anche il beneplacito dell’artista Mangione, che ha prestato il suo pennello alla causa. Ma senza il prezioso aiuto della vice-presidente Amelia Sgobba (Guerriera), che si è occupata di coordinare la realizzazione dell’opera, tutto questo non sarebbe stato possibile”.

Così Rosanna Galantucci, presidente dell’Associazione “Una Stanza per un Sorriso – ODV”, che sottolinea come questo progetto, che toccherà presto anche i Comuni limitrofi, sia una delle tante iniziative a sostegno della causa che sta portando avanti da tempo per donare un sorriso a tutte le donne che non sempre riescono a farlo.

“La nostra realtà associativa – conclude la presidente dell’associazione – nasce per aiutare le pazienti a migliorare il proprio aspetto fisico, offrendo loro idee e consigli per fronteggiare meglio gli effetti indesiderati dei trattamenti, riuscire a guardarsi allo specchio con un sorriso e ricominciare a lottare di nuovo, tutte insieme, più forti di prima. Anche durante il periodo di lockdown non ci siamo fermati e abbiamo donato numerose parrucche, realizzate con capelli veri, a molte donne per sostenerle nel ritrovare la loro naturale femminilità. Le nostre volontarie, estetiste, parrucchiere, psicologhe e nutrizioniste sono sempre a disposizione delle donne che vogliono tornare a sorridere: speriamo che con la nostra panchina rosa si possano smuovere le coscienze promuovendo la prevenzione”.

Archiviato in


Modifica consenso Cookie