COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale CONSIGLIO REGIONALE VENETO

CRV - Ciambetti: Bande di incappucciati nei boschi, pericolo non solo per cacciatori

Ciambetti: "Ho scritto al prefetto"

CONSIGLIO REGIONALE VENETO

Caccia - Ciambetti:"Ho scritto al prefetto: bande di incappucciate nei boschi seminano odio e violenza e sono un pericolo oggettivo per tutti non solo per i cacciatori"

(Arv) Venezia, 16 ott. 2019 - “Ho scritto al prefetto e al presidente della Provincia di Vicenza, e, per conoscenza, anche ai sindaci di Monteviale e Costabissara: quanto è accaduto domenica scorsa con le aggressioni a dei cacciatori da parte di bande di persone incappucciate è di un gravità e irresponsabilità estrema. Bisogna impedire ogni altra  provocazione di questo tipo e fare appello al buon senso, alla capacità di controllo e ai nervi saldi di quanti, cacciatori o no, possono essere oggetto delle attenzioni di irresponsabili, che non si rendono conto di creare situazioni di grave pericolo oggettivo”  Roberto Ciambetti, presidente del Consiglio regionale del veneto,  ha annunciato così la sua  iniziativa “presa dopo aver ricevuto più segnalazioni di cittadini veramente allarmati  per quanto accaduto. I  fatti sono noti - spiega Ciambetti - ma ciò che colpisce è come ci siano persone che non valutino la pericolosità dei loro comportamenti: la minaccia portata da gruppi di persone travisate è un reato previsto dal codice penale punito  in modo  severo proprio per la sua gravità, ma ancor più grave è l’allarme che si procura. Di questi tempi, aggirarsi in bande incappucciati per boschi e campagne, è pericolosissimo e si possono innescare reazioni le più imprevedibili e non solo da parte di cacciatori. Qui c’è qualcuno scherza col fuoco, ma si rischia di appiccare un incendio” “Non entro nel merito della protesta degli animalisti, ma ricordo che, come ho scritto al Prefetto, l’arte venatoria è regolamentata in maniera molto precisa, sottoposta al pagamento di  tasse governative come regionali previste dalla Legge: quanto accaduto domenica scorsa, come già in precedenza, oltre ad aver recato danni patrimoniali oggettivi con la distruzione dei capanni o la liberazione di uccelli da richiamo,  lede i diritti di cittadini perfettamente in regola con le disposizioni di legge vigenti.  Chiedo a tutti i cacciatori di farsi parte attiva nel rifiutare ogni provocazione, tenere sempre i nervi saldi  e avvisare, casomai, prontamente le Forze dell’Ordine. Spero che, indipendentemente dai reati di cui saranno chiamati a rispondere,  gli autori di queste provocazioni  vengano al più presto responsabilizzati sulla gravità dei loro comportamenti e sui pericoli che rischiano di innescare a seguito di atti sconsiderati: qui c’è chi non capisce di seminare odio e violenza"

Archiviato in