Sardegna
  1. ANSA.it
  2. Sardegna
  3. Il cinema attraversa l'Asia, a Cagliari festival diffuso

Il cinema attraversa l'Asia, a Cagliari festival diffuso

Tra gli ospiti Sara Mikolai, Daniele Ledda, Jacopo Miliani

Il cinema attraversa l'Asia con una selezione di oltre 20 film tra cui anteprime italiane ed europee. Dal 7 all'11 dicembre ritorna a Cagliari Across Asia Film Festival, festival internazionale dedicato al cinema asiatico contemporaneo, indipendente ed emergente. Una rassegna diffusa con proiezioni e eventi collaterali in diverse location del capoluogo sardo: Cinema Notorious, Manifattura Tabacchi - Fuorimargine, Arc, Polo Bibliotecario Falzarego 35, Teatro del Sale.

Giunto alla nona edizione, il festival volge lo sguardo alle produzioni indipendenti ed emergenti, al cinema al femminile e giovane, all'universo 'queer'. Il festival rinnova quest'anno il suo format con un programma che abbraccia l'intero continente asiatico. Tra i titoli presenti in rassegna: "Yuni" diretto dall'indonesiana Kamila Andini e premiato al Toronto International Film Festival 2021. In primo piano i tabù culturali e le restrizioni subite dalle donne attraverso lo sguardo di un'adolescente con i suoi progetti per il futuro. Poi ancora "A Night of Knowing Nothing" della regista indiana Payal Kapadia che documenta le rivolte degli studenti contro il sistema delle caste attraverso il meccanismo del "found footage", ovvero "filmato ritrovato". In calendario anche " Everything is Cinema" del maestro indiano del documentario no-budget Don Palathara che racconta la sensazione di paranoia legata alla pandemia.

Tra gli eventi collaterali è in programma la performance e la masterclass dell'artista e coreografa srilankese Sara Mikolai, poi le sonorizzazioni del musicista Daniele Ledda e la presentazione del libro "Whispering Catastrophe" dell'artista interdisciplinare Jacopo Miliani. Hip-Hop, fantascienza e manga sono, invece, i linguaggi che fonde il giapponese Hoya Seiyo nella sua opera prima "Alien Artist". Poi tra i numerosi titoli un omaggio al giovanissimo autore coreano Park Syeyoung, premiato come miglior regista di fantascienza al Bifan con le proiezioni del suo primo lungometraggio "The Fifth Thoracic Vertebra".

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere


        Modifica consenso Cookie