Pm, da Cappellano trolley soldi a Saguto

Pasciuti, i soldi erano chiamati "documenti"

    "Silvana Saguto parla con entrambi i figli del fatto che quel giorno Cappellano Seminara avrebbe dovuto portare quei 'documenti' ma non era venuto. E' il 28 giugno". Lo ha detto il pm Claudia Pasciuti nella requisitoria del processo sul cosiddetto sistema "Saguto" per cui è "evidente che non si parlava di veri documenti ma di soldi". La famiglia di Saguto versava in condizioni economiche difficili e il magistrato, secondo la ricostruzione della Procura, chiese aiuto a Cappellano Seminara al quale disse di essere disperata. "Il 30 giugno l'ingegnere Lorenzo Caramma, marito della Saguto - ha continuato Pasciuti - riceve una telefonata da Banca Nuova che sollecitava un versamento per coprire il debito. La stessa sera Cappellano Seminara entra con un trolley a casa della Saguto alle 22.35 ed esce poco dopo.
    L'indomani viene fatto il versamento in banca". Per il Pm non ci sono dubbi di alcun genere sul fatto che "Cappellano Seminara consegnò a Saguto denaro contante".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie