• Maltempo: in arrivo breve tregua, giovedì nuova perturbazione

Maltempo: in arrivo breve tregua, giovedì nuova perturbazione

In Europa atteso gelo siberiano, ma Italia toccata marginalmente

Breve tregua per il maltempo, domani e mercoledì: "saranno due giornate meteorologicamente più tranquille con più sole e meno pioggia", conferma il meteorologo di 3bmeteo.com Edoardo Ferrara. "Domani - precisa - sono previsti residui rovesci su Nordest, Centro e basso versante tirrenico, altrove il tempo sarà discreto. Mercoledì il sole sarà prevalente su gran parte d'Italia salvo qualche nota instabile ancora sul Nordest, alta Toscana e Sardegna. In aumento le temperature massime.

La tregua, nota Ferrara, "sarà tuttavia breve, in quanto giovedì è attesa una nuova perturbazione atlantica, veloce ma piuttosto intensa. Piogge e rovesci anche a sfondo temporalesco attraverseranno così lo Stivale da Ovest verso Est colpendo in modo particolare Nord e regioni tirreniche. Altre nevicate - aggiunge l'esperto di 3bmeteo.com - interesseranno le Alpi mediamente oltre 1000-1500m, a quote anche più basse su Piemonte e Valle d'Aosta". E non è finita, perché secondo l'esperto "venerdì avremo ancora qualche acquazzone o temporale in attesa di un probabile nuovo peggioramento nel weekend questa volta accompagnato da un calo delle temperature". Le perturbazioni, secondo 3bmeteo.com, dominano in realtà in tutta Europa, dove dal prossimo weekend si potrebbe tornare in inverno. "Una seconda significativa irruzione artico-siberiana potrebbe infatti raggiungere - rilevano - soprattutto gli Stati europei centrali con tracollo termico e neve anche in pianura. Ancora incerte le sorti per l'Italia, che potrebbe venire interessata marginalmente soprattutto nelle regioni settentrionali, con tempo ancora instabile e clima più freddo".

Il Po sale di 2 metri in 24 ore al Ponte della Becca - Il livello idrometrico del Po è salito dopo le piogge di circa 2 metri in 24 ore. E' quanto emerge dal monitoraggio effettuato dalla Coldiretti in mattinata al Ponte della Becca (in provincia di Pavia, alla confluenza del Ticino nel Po). Dal controllo "si evidenzia - si legge in un comunicato di Coldiretti - come il rapido aumento del livello del principale fiume italiano sia significativo delle criticità registrata in molti corsi d'acqua e torrenti". "L'arrivo di piogge e temporali violenti preoccupa - sottolinea la Coldiretti - per la stabilita idrogeologica con piene ed esondazioni per i fiumi e il rischio di frane o smottamenti per i terreni. Una situazione favorita dal fatto che tra pioggia, gelo e neve è caduto in questo inverno in Italia il 16% di acqua in più rispetto alla media storica con un decisa inversione di tendenza rispetto al deficit idrico fatto registrare nelle stagioni precedenti secondo l'analisi Coldiretti su dati Isac-Cnr".

A Venezia alta marea a 119 cm, allagato 28% città - Venezia ha vissuto una serata di acqua molto sostenuta, con una punta massima che ha raggiunto i 199 centimetri sopra il medio mare. Con un simile livello viene allagato circa il 28% del centro storico.

Masso cade in A1: Autostrade, maltempo causato distacco - E' dovuto all'erosione del terreno causata dalle forti piogge di questi giorni il "distacco di materiale anche di importanti dimensioni che è stato tuttavia trattenuto dal sistema paramassi installato da Aspi sopra la volta della galleria" Bruscheto, sull'A1 in nord, tra i caselli di Incisa e Firenze Sud. Così in una nota Autostrade per l'Italia su quanto avvenuto stamani intorno alle 7. E aggiunge: "Solo piccole porzioni di materiale hanno superato le reti finendo sulla corsia di destra della carreggiata nord e coinvolgendo, senza conseguenze, alcuni veicoli". "Nel tamponamento che si è verificato a seguito di tale caduta - si legge ancora - il conducente di un mezzo pesante è rimasto lievemente ferito". Autostrade spiega che "restano forti i disagi" per il traffico in nord tra tra Valdarno e Firenze sud per la presenza di un restringimento in corrispondenza dell'imbocco della galleria: 15 i km di coda. In nord si viaggia solo su una corsia ma in corso le operazioni per uno scambio di carreggiata che consentirà di disporre di una seconda corsia in direzione Firenze.

Auto travolta da torrente Friuli, anziana in salvo - Un'auto è stata travolta in mattinata dalla piena delle acque del torrente Malina, ingrossato dal maltempo, mentre tentava di attraversare un guado a Premariacco (Udine). La conducente, una donna di 80 anni, è stata tratta in salvo dai Vigili del Fuoco di Udine. La vettura, un'Audi Q3, è stata risucchiata dalla forte corrente e trascinata per alcuni metri nel letto del torrente prima di fermarsi, bloccata da alcuni tronchi. L'automobilista è stata raggiunta dai Vigili del fuoco, intervenuti sul posto con un'autoscala da Udine, personale di Cividale del Friuli e una squadra specializzata del Soccorso speleoalpino fluviale. L'anziana è stata raggiunta, legata e imbragata e poi riportata a riva nel cestello dell'autoscala, illesa.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA