Cronaca
  1. ANSA.it
  2. Cronaca
  3. Zlatan il violento, una vita di botte e aggressività

Zlatan il violento, una vita di botte e aggressività

Ha ucciso prima l'ex moglie, poi l'attuale compagna. Vessazioni dal 2011 e minacce. Arrestato nel 2019

   Una vita violenta, una vita scandita da minacce, botte e maltrattamenti nei confronti della ex moglie. Una vita di brutalità, furia e aggressività che ieri ha visto Zlatan Vasiljevic accanirsi contro due donne, uccidendole. Prima la ex moglie, uccisa a sangue freddo in strada a colpi di pistola, e poi l'attuale compagna, come in un orrendo copione di una violenza che è stata sua compagna di vita.

    E gli allarmi che l'ex camionista con problemi di alcolismo aveva suscitato vanno indietro nel tempo. Zlatan Vasiljevic nel 2019 fu già arrestato per avere picchiato la moglie, erano stati i carabinieri di Altavilla, dove la coppia viveva, che lo avevano fermato per i continui maltrattamenti proprio verso Lidia Mijkovic, la prima delle vittime odierne. L'ordinanza emessa dal Gip del Tribunale era scaturita dopo la denuncia presentata da Lidia ed è un lungo elenco di violenze, perpetrate anche davanti ai figli minori. Una scia di vessazioni che, scrive il giudice, inizia nel 2011. E che era chiaro dove andasse a finire, anche allora: La "perseveranza dimostrata dal Vasiljevic, unitamente all'abuso di alcoli e alla sua incapacità o comunque alla mancanza di volontà di controllarsi pure in presenza dei figli minori, costretti ad assistere alle continue vessazioni ai danni della madre - si legge nell'ordinanza del 2019 - consente di ritenere altamente verosimile il verificarsi di nuovi episodi di violenza, tanto più in ragione dell'allontanamento" della donna "dalla casa familiare e dalle tendenze controllanti e prevaricatorie dimostrate dall'indagato, che potrebbero con ogni probabilità subire un'escalation in termini di gravità e condurre a tragiche conseguenze".

    Esattamente quello che è accaduto. Il giudice elenca alcuni episodi di violenza: a febbraio del 2019, quando Vasiljevic "afferrava per il collo" la moglie, "la spingeva contro il frigorifero della cucina e la minacciava con un coltello" che le infilava in bocca; un mese dopo quando, rientrato ubriaco, l'ha aggredita a letto stringendole il collo "come per strangolarla" e urlando: "Ti uccido, ti cavo gli occhi"; ancora, sempre a marzo, quando le diede un colpo al volto "con violenza tale da farla cadere al suolo". Vasiljvic finì in carcere, ma ci rimase poco, tanto che già a dicembre 2019 arrivò un ordine di non avvicinamento: lo emise l'autorità giudiziaria su richiesta dei Carabinieri di Schio, dove Lidia si era trasferita con i bambini dopo la separazione.


    Di quella vicenda del 2019, ora definita da chi conosceva la donna uccisa, come 'cronaca di una morte annunciata', ha parlato il titolare della ditta per cui la vittima lavorava, la Food&co di Vicenza, una ditta specializzata in catering. Mondello, ricorda che l'uomo "le aveva fracassato il cranio" causandole ferite gravi e poi l'aveva pure denunciata con una scusa, il presunto abbandono dei figli. Nel 2019 era stato infine emesso il divieto di avvicinamento per quell'ex compagno violento. "E' stata in malattia per diverso tempo - ha ricordato ancora Mondello - per percosse è stata anche ricoverata all'ospedale. Era dentro e fuori dal tribunale con denunce assurde. Una tragedia annunciata, come tutte le tragedie di questo genere.
    Gente pazza che va in giro tutto il giorno senza far niente". Una tragedia annunciata che ora lascia orfani due ragazzi di 13 e 16 anni. 

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Modifica consenso Cookie