Cronaca
  1. ANSA.it
  2. Cronaca
  3. Choc a Lione, educatrice di asilo avvelena bimba di origini italiane

Choc a Lione, educatrice di asilo avvelena bimba di origini italiane

Arrestata la maestra. 'Esasperata dal pianto', le avrebbe fatto ingerire un prodotto caustico

Era praticamente impossibile che avesse fatto tutto da sola, e infatti la pista della morte accidentale è stata scartata quasi subito. La confessione della sua maestra ha chiarito che Lisa, origini italiane, è stata uccisa a soli 11 mesi perché ha avuto l'unica colpa di piangere e la donna a cui era stata affidata in un asilo a Lione l'ha prima cosparsa e poi le ha fatto ingerire del Destop, un prodotto a base di soda caustica che si usa per sgorgare i tubi idraulici.

Myriam J., 27 anni, ausiliaria puericultrice dell'asilo privato People&Baby, è quindi accusata di omicidio volontario. In un momento di follia ha ucciso la piccola Lisa, che avrebbe compiuto un anno giovedì prossimo. Originario di Torre Boldone, paese alle porte di Bergamo, il padre della piccola si chiama Fabio Bertuletti, project manager nella gestione e pianificazione di progetti di linee aeree ad alta ed altissima tensione che, dopo la laurea in ingegneria a Bergamo, ha lavorato per studi e ditte italiane per poi venire assunto dalla Consorzio Italia 2000 e trasferirsi in Francia con la moglie Sophie.

Mercoledì mattina, poco dopo l'8, l'intervento di ambulanza e vigili del fuoco nella sede dell'asilo nel terzo arrondissement di Lione. Nell'edificio c'erano solo loro due, Lisa già priva di conoscenza e la sua educatrice, e i soccorritori hanno immediatamente capito che le condizioni della bambina erano disperate. L'hanno trasportata all'ospedale Femme Mère Enfant di Bron, dove è morta nonostante i tentativi di rianimarla. La procura di Lione guidata da Nicolas Jacquet ha aperto subito un'inchiesta e nel giro di un paio di giorni è arrivata la confessione della donna che "esasperata dal pianto della bambina - spiegano gli inquirenti francesi - prima l'ha cosparsa e poi le ha fatto ingerire un prodotto caustico".

"La bambina piangeva, la voleva calmare ma non ci riusciva. Ha preso la prima cosa che ha trovato e ha compiuto un gesto dalle conseguenze molto gravi", ha provato a spiegare l'avvocato Philippe Duplan, legale dell'educatrice, che l'ha definita come "una donna fragile" che "ha avuto da poco un aborto che l'ha sconvolta" e ha il fidanzato in prigione. "Non voleva ucciderla - ha aggiunto il legale - la bambina non smetteva di piangere e ha perso completamente e stupidamente il controllo".

 

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA



      Modifica consenso Cookie