Universo Burri a Città di Castello

Nasce biblioteca multimediale in spettacolare doppio museo

(ANSA) - Città di Castello (Perugia), 13 MAR - Non è chiaro ai più quale fu la folgorazione che colpì Alberto Burri, giovane studente di medicina prigioniero in Texas, per spingerlo a dedicarsi all'arte. Ma quando si arriva a Città di Castello, dove nacque, e nel verde della campagna umbra si vede spuntare come un'astronave il gigante nero dei capannoni che volle come ultima dimora della sua produzione, allora si capisce che quella illuminazione era qualcosa che come è accaduto a tanti del Novecento travolgeva presente e futuro. Il suo progetto non è finito con lui. A più di cento anni dalla nascita, avvenuta nel 1915, si festeggia il suo compleanno del 12 marzo. Questa volta con l'apertura della nuova sezione del museo degli Ex Seccatoi, BurriDocumenta: un enorme salone dove gli schermi appaiono sulle pareti in fila, come al piano superiore le opere dei cicli di Burri. Basta un clic per esplorare migliaia di foto, video documenti, testimonianze frutto di anni di minuziosa ricostruzione. Di fatto una vera biblioteca multimediale.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA