Gaultier, "Il meglio deve ancora venire"

"Finale fedele a me stesso", ma il suo è un arrivederci

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - "Addio, ma il meglio deve ancora venire!" . Con queste parole che alludono a qualche altro progetto dei suoi, creativo e irriverente, Jean-Paul Gaultier, che a 67 anni ha chiuso 50 anni di carriera con un fashion show di quasi un'ora e mezza, Al Théâtre du Châtelet a Parigi, lasciando tutti i suoi numerosi fan con il fiato sospeso. Chissà cosa avrà in mente quel "ragazzaccio" che va per i 70, ma ancora si fa lanciare in aria a fine sfilata facendo smorfie e boccacce, sotto gli occhi attoniti del suo parterre, tra cui brillano una evergreen Amanda Lear, una conturbante Dita Von Teese, Boy George, Eva Herzigova, Paris Jackson, Jasmin Le Bon,, Rossy de Palma. Una passerella da urlo con top e celebrities come Irina Shayk, Karlie Kloss, Gigi e Bella Hadid, Joan Smalls, Coco Rocha, Erin O'Connor. Gaultier è tra gli stilisti che hanno fatto la moda del Novecento: ha uno stile riconoscibile, righe e bustini non mancano mai nelle sue collezioni, per disegnare una figura femminile curvilinea. È celebre anche per aver disegnato il reggiseno con seni a cono indossato da Madonna durante il Blonde Ambition Tour del 1990 e per aver vestito celebrità come Kylie Minogue, Nicole Kidman, Cate Blanchett, Lady Gaga e Rihanna. Per il gusto provocatorio dei suoi abiti e delle sue sfilate, è stato considerato l'enfant terrible della moda francese. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie