Spread Btp Bund in calo a 280. Euronext rilancia su Oslo Bors

La società franco-olandese al contrattacco per strapparla al Nasdaq

 Accelera Piazza Affari (Ftse Mib +1,6%) mantenendosi in vantaggio rispetto alle altre borse europee, con lo spread in calo a 280 punti, per effetto delle negoziazioni sui titoli di Stato che si tengono a Londra, essendo Tokyo chiusa per festività. Il calo dello spread a 280 punti favorisce Banco Bpm (+7%) dopo un congelamento al rialzo, Bper (+5,64%), Ubi (+3,62%), Unicredit (+2,4%) e Intesa (+2%) sull'onda lunga dei conti e dopo i risultati dello Srep, il processo di revisione e valutazione prudenziale della Bce, che si è concluso favorevolmente per tutte. Bene anche Mps (+2,48%). Proseguono gli acquisti sulla Juventus (+3%) e sulla Roma (+2,45%), vittoriose ieri in campo, più cauta invece la Lazio (+0,7%). Bene Cnh (+3%), Stm (+2,36%), Leonardo (+2%) e Prysmian (+1,45%), dopo una nuova commessa in Canada. Bene Tim (+1,55%) ed Fca (+1,6%). Debole Astaldi (-2,82%), in attesa di offerte per il salvataggio a cui sta lavorando anche Salini Impregilo (-0,27%).

Borse asiatiche contrastate e a ranghi ridotti per la chiusura festiva di Tokyo. Shanghai ha guadagnato l'1,36%Taiwan lo 0,72%, mentre Sidney ha ceduto lo 0,17%. A due velocità anche Hong Kong (+0,53%) e Mumbai (-0,41%) ancora aperte. Positivi i futures sull'Europa, nonostante il calo della fiducia economica in Francia secondo la Banque de France ed in attesa di dati dal Regno Unito, negativi invece quelli su Wall Street, in attesa di dati sui mutui e sulle insolvenze ipotecarie. Sui listini ha pesato ancora una volta l'incertezza sull'esito delle negoziazioni tra Usa e Cina sui dazi.

Euronext rilancia, 790 mln di dollari per borsa Oslo - Euronext rilancia su Oslo Bors con un'offerta che valuta la Borsa di Oslo circa 790 milioni di dollari, 158 corone per azione, nel tentativo di strappare la società a Nasdaq il mese scorso aveva offerto 152 corone. Lo scrive l'agenzia Bloomberg. La società franco-olandese mette così sotto ulteriore pressione il cda di Oslo Bors, che aveva raccomandato agli azionisti di accettare l'offerta del Nasdaq.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video Economia


Vai al sito: Who's Who