Economia
  1. ANSA.it
  2. Economia
  3. PMI
  4. Istat: Confeuro, investire al Sud e sulle nuove generazioni

Istat: Confeuro, investire al Sud e sulle nuove generazioni

"Evitare altra riduzione della superficie agricola utilizzabile"

(ANSA) - ROMA, 28 GIU - "Occorre più decisione per sfruttare appieno i margini di crescita del Mezzogiorno, favorire l'ingresso dei giovani ed evitare un'ulteriore riduzione della superficie agricola utilizzabile". Questo quanto afferma in una nota Andrea Michele Tiso, presidente nazionale Confeuro, commentando i principali nodi critici emersi dal 7/o Censimento generale dell'Agricoltura dell'Istat diffusi oggi. La riduzione della superficie agricola utilizzabile (Sau) di circa un quinto, equivalenti a tre milioni di ettari, "è un dato di per sé preoccupante". Diminuisce anche il numero di aziende agricole, che però tendono ad accorparsi e a crescere di dimensione.
    "La lettura dei dati completi dell'Istat non riserva molte sorprese: il primo settore si conferma resiliente e in grado di rispondere a un mondo in rapida evoluzione", continua Tiso ribadendo che "l'europeizzazione del sistema agricolo procede ancora troppo lentamente, soprattutto in termini di digitalizzazione dei meccanismi di produzione e di capacità di conquista di nuove fette di mercato".
    Per le donne impiegate in agricoltura c'è una nota positiva: ricoprono infatti circa un terzo dei ruoli dirigenziali, mentre negli altri settori la quota non va oltre il 25%. "Anche per loro si può e si deve fare di più, perché siamo lontani da un'effettiva parità di genere. Ancora più urgente è sostenere i giovani, essenziali per il processo di ammodernamento del settore. Crediamo infine che i fondi del Pnrr debbano essere impiegati in modo prioritario per colmare i principali gap, a partire dal Mezzogiorno per arrivare alle nuove generazioni", conclude Tiso. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
        BANCA IFIS


        Modifica consenso Cookie