Mondo
Responsabilità editoriale Xinhua.

Covid: in Cina la città di Suzhou limita i viaggi

Metropoli chiude accessi e uscite, corsie speciali per forniture

(ANSA-XINHUA) - NANCHINO, 17 FEB - Nella città di Suzhou, nel Jiangsu, in Cina orientale, dove sono stati registrati 9 casi confermati di Covid-19 e 2 asintomatici, tutti a trasmissione locale, dalla mezzanotte di ieri alle 15:00 di oggi, sono state imposte restrizioni ai viaggi, hanno reso noto le autorità sanitarie locali.
    A partire da oggi, i passeggeri che lasciano la città in treno sono tenuti a fornire un certificato di risultato negativo di un test molecolare, effettuato 48 ore prima della partenza, come ha annunciato il quartier generale cittadino per il controllo e la prevenzione delle epidemie.
    La città ha anche chiuso più ingressi autostradali e traghetti, oltre ad aver aggiunto punti di controllo del traffico per frenare la diffusione del virus. In precedenza, era già stato sospeso il servizio di trasporto pubblico via bus tra Suzhou e altre province e città.
    Sono state aperte corsie speciali solo per i camion delle aziende di logistica che trasportano beni di prima necessità.
    Per soddisfare le esigenze quotidiane dei residenti locali, Suzhou ha fornito loro finora circa 8.000 tonnellate di verdure e 2.000 tonnellate di carne di maiale, oltre a più di 10.000 tonnellate di cereali e più di 600 tonnellate di olio da cucina.
    Fino alle 15:00 di oggi nell'ultimo focolaio di Suzhou è stato registrato un totale di 35 casi confermati di Covid-19 e sette asintomatici.
    Il centro cittadino per la prevenzione e il controllo delle malattie ha rilevato la variante Omicron nei campioni prelevati dagli attuali casi confermati, sulla base dei risultati del sequenziamento genomico. (ANSA-XINHUA).
   

    Responsabilità editoriale Xinhua.

    Video ANSA




    Modifica consenso Cookie