• Se lo avete perso... Dalle tecnologie del decennio alle più belle foto scientifiche del 2019

Se lo avete perso... Dalle tecnologie del decennio alle più belle foto scientifiche del 2019

Ecco alcune delle notizie della settimana che hanno suscitato interesse, hanno fatto discutere o, semplicemente, hanno destato curiosità

Redazione ANSA

Ecco alcune delle notizie della settimana che hanno suscitato interesse, hanno fatto discutere o, semplicemente, hanno destato curiosità.

Partiamo dalla salute, con un'attenzione particolare a quella dei più piccoli. Sovrappeso, asma, obesità, diabete, bullismo: cambia il tipo di malattie con cui i pediatri si trovano a far fronte e aumentano quelle croniche che necessitano di cure particolari. Sono infatti un milione, nel nostro Paese, i bambini con bisogni assistenziali speciali, di cui circa 10mila definiti "medicalmente complessi", ovvero necessitano di una tecnologia per vivere, come un respiratore o la nutrizione artificiale.

Usare abitualmente il peperoncino in cucina (circa 4 volte a settimana) riduce il rischio di morte per infarto del 40% e per ictus di oltre il 60%. Inoltre riduce del 23% il rischio di morte per qualunque causa rispetto a chi non ne fa uso abitualmente. A suggerrirlo è uno studio pubblicato sul Journal of the American College of Cardiology.

Una notizia positiva arriva dal mondo del lavoro, e nello specifico da una azienda di Gela: per il secondo anno consecutivo i 30 dipendenti della Meic Services Spa, che si occupa di forniture di gas metano, impiantistica industriale, montaggi e costruzione di tubazioni, riceveranno un premio di produttività di 200mila euro. La gratifica media per ciascun lavoratore è di 6.700 euro, riparametrati secondo taluni criteri di valutazione e il livello di inquadramento, "frutto di un anno di lavoro impegnativo ma florido", hanno detto alla Meic. L'ad ha voluto evidenziare che "un dipendente felice è un dipendente motivato e produttivo". "Perciò se ci sono utili - ha aggiunto - è giusto che ci siano per tutti".

Ora la scienza. La prima foto di un buco nero è la scoperta dell'anno secondo la rivista Science: "un'impresa che era considerata impossibile" e che invece ha finalmente "reso visibile l'oscurità", grazie al lavoro di oltre 200 ricercatori del grande progetto internazionale Event Horizon Telescope (Eht), finanziato dalla Commissione Europea e al quale l'Italia ha partecipato con Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf) e Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn).

I ghiacciai della Groenlandia minacciati dallo scioglimento, una delle lune di Saturno sorpresa tra gli anelli del pianeta e un polmone artificiale stampato in 3D: sono fra le immagini scientifiche più belle del 2019 selezionate dalla rivista Science tra quelle pubblicate sul sito durante l'anno.

Anche un'antica gomma da masticare può rivelarsi una miniera di preziosi dati sul passato e le abitudini dell'uomo. Scopriamo perché...

Cinema e musica. Fu un sodalizio artistico irripetibile, la fotografia di un'epoca: Fabrizio De André e Pfm insieme. Accadeva 40 anni fa e ci sarà da emozionarsi a febbraio rivedere insieme uno degli artisti italiani più amati e la rock band sul palco quel 3 gennaio 1979 a Genova. Diventerà infatti un docufilm diretto da Walter Veltroni lo storico filmato del concerto.

Restando in tema di musica ma facendo un salto nel passato e mescolando la scienza... Far rivivere il genio musicale di Ludwig van Beethoven: è questa l'ultima ambiziosa sfida dell'intelligenza artificiale, che dopo aver studiato attentamente le opere del celebre compositore tedesco, sta cercando di completare con lo stesso stile la decima sinfonia, rimasta incompiuta alla sua morte nel 1827.

In C'era una volta in America, Noodles (Robert De Niro) attraversando un portone di Coney Island, ci trasportava nel racconto a trent'anni dopo. E' una delle tante emozioni ricreate in C'era una volta Sergio Leone, coinvolgente mostra dedicata al grande cineasta romano, scomparso a 60 anni nel 1989, concepita e realizzata dalla Cinémathèque Française e dalla Cineteca di Bologna, che dopo il debutto un anno fa a Parigi (dove ha ottenuto un grande successo), riporta gli universi cinematografici e privati del cineasta nella sua città, al Museo dell'Ara Pacis.

Un pò di tecnologia. Da iPad a Tesla, 10 tecnologie che hanno rivoluzionato il decennio: la lista stilata dalla rivista Time, "ogni gadget racconta un nuovo modo di pensare".

Instagram ora avvisa gli utenti se stanno per pubblicare post con contenuti d'odio o con notizie false. L'app di proprietà di Facebook ha annunciato l'arrivo di una nuova funzionalità che utilizza strumenti di rilevamento basati sull'Intelligenza artificiale: sono in grado di riconoscere frasi o parole che possono essere potenzialmente false o offensive per altri utenti.

Si chiama Vito. E' un gatto, soprannominato il gatto bionico. Ha due protesi alle zampe posteriori, è stato salvato con intervento sperimentale.

E' morta Lauretta, l'orsa del Centro Visite di Pescasseroli. Ospite del Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise (Pnalm) da quando fu trovata, nel 1993, quasi moribonda da alcuni escursionisti tedeschi. Nutrita e accudita dal personale del Parco, riuscì a superare la crisi e fu destinata ad essere l'ambasciatrice della propria specie per migliaia di turisti e visitatori presso il Centro Visite.

Gli scimpanzè creano, è il caso di dirlo, musica 'rock' (in inglese, pietra) lanciando dei sassi sulle radici degli alberi. Questo strano comportamento potrebbe essere un modo molto originale per comunicare o un semplice divertimento. Finora è stato osservato in quattro gruppi di scimpanzè di altrettanti Stati dell'Africa occidentale.

Curiosità. Dalle robuste caligae dei soldati romani ai sandali delle cortigiane greche; dai calzari indossati dagli dei alle calzature ai piedi delle star nei kolossal dedicati all'antichità: è quanto propone la mostra 'Ai piedi degli dei' nel museo della Moda e del costume di Palazzo Pitti a Firenze.

Chiudiamo con la poesia. Una musica suggestiva in un video dai toni chiari in cui, tra voli di nuvole e uccelli, scorci di collina e mare, un uomo di spalle scruta l'orizzonte e 22 splendide e celebri voci della canzone d'autore pronunciano le parole di un capolavoro eterno della poesia italiana: è l'iniziativa che insieme Rai e Mibact hanno ideato per chiudere l'anno delle celebrazioni del bicentenario dell'Infinito di Giacomo Leopardi, scritto dal poeta recanatese nel 1819.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Modifica consenso Cookie