Sport
  1. ANSA.it
  2. Sport
  3. F1: Verstappen può già vincere, 'ma serve molta fortuna'

F1: Verstappen può già vincere, 'ma serve molta fortuna'

A Singapore primo match point. Sainz: 'Daremo filo da torcere'

La giusta dose di fortuna e un fisico bestiale per resistere al caldo e all'umidità di Singapore. Max Verstappen sa che a Marina Bay può già laurearsi campione del mondo, ma anche che serve una congiuntura ideale per far festa con qualche gp di anticipo: con il clima proibitivo (i piloti perdono fino a 3 kg causa afa) e avversari pronti a mettere i bastoni tra le ruote, l'olandese della Red Bull non si fa troppe illusioni. "Non penso davvero al campionato - ha detto Verstappen, vincitore di 11 gare su 16 nel 2022, le ultime cinque di fila -. Voglio solo godermi il fine settimana e ovviamente provare a vincere la gara. Ho bisogno di molta fortuna perché accada qui, quindi non ci conto davvero".
    Sulla pista di Marina Bay si torna dopo tre stagioni e offre il match point all'olandese, che ribadisce di aver bisogno di tanti fattori a suo favore per fare festa: "Intanto devo vincere io, Perez deve chiudere quarto o più indietro e Charles Leclerc da ottavo in giù. Quindi voglio dire che è un po' irrealistico che accada, quindi non ci penso davvero". Piuttosto Verstappen pensa alle qualifiche, perché la pole è cruciale su una pista dove i sorpassi sono difficili: "In gara quest'anno siamo sempre stati bravi, ma qui conta la prestazione sul giro". L'olandese a Singapore non ha mai vinto: è considerata la gara più impegnativa in calendario, anche per le condizioni climatiche estreme. "Non siamo stati a Singapore per un po', quindi sarà interessante vedere come si è evoluta la pista", ha aggiunto Verstappen, che ha 116 punti di vantaggio su Leclerc dopo il successo a Monza, e 125 su Perez, terzo in classifica. Deve arrivare a +138 punti per assicurarsi la prima vittoria mondiale da quando Michael Schumacher ha vinto nel 2002 con sei gp di anticipo sulla fine del campionato. "Sono molto concentrato su questo week end, al resto non penso" ha aggiunto il leader della classifica piloti.
    La Ferrari dal canto suo può solo provare a ritardare i festeggiamenti. Per altri obiettivi si rimanda ancora. "Dicono che noi qui siamo competitivi? Direi che anche la Red Bull lo è.
    Comunque vogliamo dare loro filo da torcere" ha ammesso lo spagnolo di Maranello Carlos Sainz. "Qui, se sei avanti in gara, hai più opportunità di chiudere con la vittoria, ad esempio rispetto a Monza - ha sottolineato ancora il ferrarista -.
    Classifica? Non è che guardiamo alla Mercedes, piuttosto vogliamo tornare alla vittoria. Non dobbiamo avere un passo peggiore delle Mercedes e lottare con la Red Bull". Nella prova in notturna, tra caldo, dossi, e pochi rettilinei tutto può succedere.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Podcast

        A cura di Intesa Sanpaolo