Ue, su Intelligenza artificiale norme obbligatorie

Per applicazioni alto rischio e per sanità, polizia, trasporti

I sistemi di intelligenza artificiale (AI) ad alto rischio, come il riconoscimento facciale, dovranno essere "trasparenti, tracciabili e garantire il controllo umano" in settori 'sensibili' come "salute, polizia e trasporti": così la Commissione Ue nel suo White Paper sull'AI presentato a Bruxelles, aggiungendo che "questi sistemi possono comportare rischi" per questo "è essenziale costruire fiducia" con "regole chiare" per le applicazioni "ad alto rischio" che dovranno essere "conformi alle norme europee". Il riconoscimento facciale è tra i sistemi di intelligenza artificiale ad alto rischio, "il suo uso è generalmente proibito" e ammesso "solo in casi eccezionali, debitamente giustificati e proporzionati, soggetti a garanzie e basati sul Diritto dell'Unione o nazionale". Lo scrive la Commissione Ue nel suo 'White Paper'. L'esecutivo Ue intende avviare "un ampio dibattito su quale eventuali circostanze potrebbero giustificare tali eccezioni".

Il riconoscimento facciale è tra i sistemi di intelligenza artificiale ad alto rischio, "il suo uso è generalmente proibito" e ammesso "solo in casi eccezionali, debitamente giustificati e proporzionati, soggetti a garanzie e basati sul Diritto dell'Unione o nazionale". Lo scrive la Commissione Ue nel suo 'White Paper' sull'intelligenza artificiale. L'esecutivo Ue intende avviare "un ampio dibattito su quale eventuali circostanze potrebbero giustificare tali eccezioni".

Per rafforzare l'Intelligenza artificiale (AI), l'obiettivo è attrarre investimenti pari a 20 miliardi di euro all'anno, nei prossimi 10 anni: lo scrive la Commissione Ue nella sua comunicazione di oggi su intelligenza artificiale, dati e digitale.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie