Google, Intelligenza artificiale al servizio della cultura

Con Art Palette le opere d'arte sono abbinate ai colori

ROMA - Google sperimenta l'uso dell'intelligenza artificiale a beneficio della cultura. La compagnia di Mountain View ha condiviso i più recenti esperimenti-prototipi, frutto del lavoro degli ultimi sette anni di partnership con 1.500 istituzioni culturali in tutto il mondo.

Tra questi c'è Art Palette. L'applicazione consente di scegliere una serie di colori e, usando una combinazione di algoritmi di visione artificiale, abbina alla tonalità selezionata le opere d'arte di istituzioni culturali di tutto il mondo. Così facendo, si scopre ad esempio che gli Iris di Van Gogh hanno colori in comune con le Ninfee di Monet.

Seguendo lo stesso principio, è possibile scattare una foto di ciò che si indossa o della propria casa per scoprire le opere che corrispondono ai colori degli abiti e dell'arredamento.

Google ha anche annunciato di aver portato a nuova vita le foto storiche di Life, rivista che dal 1936 in poi ha immortalato alcuni dei momenti più significativi del XX secolo.

Con Life Tags, 4 milioni di foto sono state scansionate, analizzate e taggate grazie alla visione artificiale, in modo da renderle fruibili. Attraverso migliaia di etichette create automaticamente, lo strumento trasforma la raccolta di foto in un'enciclopedia interattiva che si può esplorare.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA