14:49

Iran: Zarif, non negoziamo con Trump

Intervista a Cnn, 'Usa giocano una partita molto pericolosa'

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - WASHINGTON, 21 MAG - "L'Iran non negozierà mai con il presidente Trump, fino a che gli Stati Uniti non mostreranno rispetto onorando gli impegni presi con l'accordo sul nucleare": lo afferma in una intervista alla Cnn il ministro degli esteri iraniano Javad Zarif, uno dei principali artefici della storica intesa raggiunta nel 2015 con l'amministrazione Obama e le altre potenze mondiali. Zarif accusa quindi Donald Trump di "giocare una partita molo pericolosa" rafforzando la presenza militare Usa nella regione mediorientale.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


14:19

Gb: crac per catena chef Jamie Oliver

In amministrazione controllata 25 ristoranti 'italian style'

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - LONDRA, 21 MAG - Collasso economico nel Regno Unito per la catena 'italian style' di Jamie Oliver, celebrity-chef della tv britannico della tv. Il suo piccolo impero, formato da 23 esercizi della catena Jamie's Italian, più i due ristoranti londinesi Fifteen e Barbecoa, è da oggi in amministrazione controllata sotto la gestione della società di consulenza KPMG.
    Ad annunciarlo è stato lo stesso Oliver: "Sono profondamente dispiaciuto di questo epilogo capisco quanto possa essere difficile ora per lo staff e i fornitori". In ballo ci sono 1000 posti di lavoro: scampati al piano di ristrutturazione del 2018 sfociato nella liquidazione di altri 12 ristornati dopo la chiusura dell'anno con perdite da 101 milioni di sterline.
    Il crac di Oliver, dopo una storia imprenditoriale di alti e bassi seguita alla fama televisiva, arriva sullo sfondo della crisi strutturale che sta investendo diversi marchi del settore della ristorazione britannica, oltre che del retail in generale: fra gli altri Carluccio's

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

14:13

Allevatori sardi uccisi, caccia a killer

Indagini a tutto campo, anche su faida di 50 anni fa

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - ORISTANO, 21 MAG - E' caccia al killer dei due allevatori uccisi ieri a fucilate nelle campagne di Ruinas, in provincia di Oristano. Vittime due emigrati di 80 anni, Pietro Secci e Carmelino Marceddu. Un agguato forse legato a una vecchia faida che ha insanguinato il paese 50 anni fa. Ma a Ruinas non tutti credono al collegamento con crimini accaduti in un passato così lontano. Al momento, però, è questo l'unico spunto di un'indagine ancora alle sue prime battute.
    Secci e Marceddu conducevano una vita riservata. Tuttavia i loro nomi si intrecciano con i fatti di sangue della faida degli anni '60. Nel 1966 Marceddu, all'epoca 25enne, assistette all'uccisione del fratello Luigi; nel 2001 il fratello di Secci, Dino, era invece rimasto ferito durante l'omicidio di Pierpaolo Meloni. Fatti datati sui quali ora gli investigatori dell'Arma e la Procura di Oristano intendono riaccendere i riflettori. Il duplice omicidio sarebbe avvenuto di mattina in una zona impervia nelle campagne del paese, dove i due accudivano dei bovini

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

14:12

Cucci:Cc-Difesa chiedono essere p.civili

In processo depistaggi coinvolti otto cc, tra cui ufficiali

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - ROMA, 21 MAG - L'Arma dei carabinieri e il ministero della Difesa hanno presentato istanza di costituzione di parte civile nel corso dell'udienza preliminare di oggi a Roma che vede coinvolti otto carabinieri, tra cui anche ufficiali, accusati di depistaggio sul caso della morte di Stefano Cucchi. Il Gup si è riservato di decidere. A presentare istanza è stata anche la famiglia Cucchi, l'appuntato Riccardo Casamassima, gli agenti di plizia penitenziaria, il Sindacato dei Militari e Cittadinanzattiva. "Il fatto che l'Arma abbia chiesto di costituirsi parte civile, nel procedimento che vede coinvolti otto carabinieri per i depistaggi sul caso della morte di mio fratello, è una fatto senza precedenti. La dedico a tutti coloro che continuano ad insinuare che la famiglia Cucchi è contro l'Arma e viceversa. Questo è un momento di riavvicinamento tra cittadini e istituzioni", ha detto Ilaria Cucchi, sorella di Stefano, il detenuto morto nel 2009.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


13:58

Consiglio Ue, ok stop plastiche monouso

Dal 2021 banditi piatti, posate e cannucce

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - BRUXELLES, 21 MAG - Il Consiglio Ue ha dato il via libera formale alla direttiva che vieta dal 2021 oggetti in plastica monouso come piatti, posate e cannucce. Anche le aste per palloncini e i bastoncini cotonati in plastica dovranno essere banditi. Gli Stati membri si sono inoltre impegnati a raggiungere la raccolta delle bottiglie di plastica del 90% entro il 2029 e le bottiglie di plastica dovranno avere un contenuto riciclato di almeno il 25% entro il 2025 e di almeno il 30% entro il 2030. Le nuove regole "sono un grande primo passo per voltare pagina", commenta Greenpeace Europa.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA



13:40

Pista cross su cimitero Grande Guerra

A Giavera Montello, ipotizzato il danno ambientale

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - TREVISO, 21 MAG - Una denuncia alla Procura della Repubblica di Treviso per l'ipotesi di reato di danno ambientale è stata depositata da un residente di Giavera del Montello, che avrebbe documentato come in una zona sulla quale ora insiste una pista da motocross, siano sepolti i resti di decine di combattenti senza nome della Grande Guerra. Il proponente, Giorgio Marcon, assistito dall'avvocato Fabio Capraro, nella documentazione alla magistratura ha allegato una serie di fotografie, vedute aeree e rilievi topografici in cui si evidenziano le pesanti perdite di soldati italiani ed austriaci in quella che ancora oggi è chiamata "Valle dei morti" in occasione di una battaglia risalente al 23 giugno 1918. La pista da motocross, precisa il denunciante, sarebbe stata realizzata da un locale club motociclistico in un'area tutelata anche da un vincolo ambientale contro "tutti i parametri urbanistico-edilizi della zona".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

13:04

Bassetti, forza con la ricostruzione

Il cardinale ha parlato del sisma all'assemblea generale Cei

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - PERUGIA, 21 MAG - "È decisivo che le ordinanze siano rese operative, che le procedure concordate per la ricostruzione trovino attuazione, che i fondi stanziati si traducano in interventi concreti": lo ha detto - in merito alla situazione nel Centro-Italia all'indomani del terremoto - il card. Bassetti nella sua introduzione all'assemblea generale Cei.
    "Il nostro è un Paese unico, tanto per bellezza quanto per fragilità - ha osservato -. Proprio la fragilità, però, potrebbe essere la nostra forza e trasformarsi in occasione di cura e solidarietà, purché la generosa laboriosità di tanti cittadini s'incontri con l'impegno di chi ha la responsabilità civile e politica". "Lo reclamano le tante abitazioni ancora inagibili della nostra gente; lo reclamano le nostre chiese: sono 3.000 quelle danneggiate dal sisma; l'impegno, su cui ci si è confrontati per mesi, ne prevede la ricostruzione di 600, quali luoghi di culto, di riferimento e aggregazione per tutta la comunità", ha aggiunto.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

13:01

Buste esplosive:stessa rete di Appendino

Indagini,rete smantellata è la medesima di quella contro sindaco

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - MILANO, 21 MAG - La rete anarco-insurrezionalista che ha inviato plichi esplosivi a due pm di Torino e al Dap nel 2017 "verosimilmente" è la "stessa rete" degli attacchi recenti, sempre con pacchi esplosivi, alla sindaca di Torino Chiara Appendino. Lo ha spiegato il capo del pool antiterrorismo di Milano Alberto Nobili, chiarendo che comunque su questo fronte "le indagini sono in corso".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

12:55

A fuoco bus con studenti, nessun ferito

Intervento vigili fuoco nel Rodigino

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - ROVIGO, 21 MAG - Prende fuoco un bus di linea con 20 studenti a bordo che si salvano scendendo dal mezzo prima che si inneschino le fiamme. E'accaduto a Giacciano con Baruchella, nel Rodigino. Il conducente, mentre percorreva la strada regionale 482, all'altezza del centro commerciale Il Faro, ha notato che qualcosa non andava: si è fermato facendo scendere gli studenti, mentre il pullman prendeva fuoco. I pompieri accorsi da Castelmassa e Rovigo, hanno spento le fiamme del pullman, andato completamente distrutto. Sul posto le forze dell'ordine per la deviazione del traffico. Le operazioni di soccorso dei vigili del fuoco sono terminate dopo circa un'ora e mezza con la rimozione del mezzo.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA