19 ottobre, 17:48 Primopiano

Covid, protesta animatori feste a Napoli: 'Se ci chiudi poi ci aiuti'

'Da De Luca stop a qualsiasi cerimonia, abbiamo acqua alla gola'

© ANSA
ITALY CORONAVIRUS PROTEST NAPLES ©

Sit in degli animatori per feste ed eventi, oggi a Napoli, davanti alla sede della Regione Campania, contro la decisione del governatore De Luca di sospendere qualunque tipo di festa. "Se mi chiudi, poi mi aiuti" è lo striscione che hanno portato alla protesta. "Senza feste non lavoriamo, abbiamo bisogno di misure di sostegno economico - spiega Nicola Alonzo, titolare dell'Agenzia "I briganti. Eventi e spettacoli", che fa parte del Consorzio di qualità delle agenzie di animazione della Campania - In Campania, a causa del lockdown hanno già chiuso 120 agenzie di animazione. Non è possibile immaginare di continuare così". "Vorremmo avere la possibilità di lavorare - dice - con i dovuti accorgimenti. Abbiamo scadenze di tasse da rispettare, ma se non si lavora non possiamo farlo. Abbiamo l'acqua alla gola". Delle due l'una: "O ci fanno lavorare o si adottano misure come il blocco delle tasse, non la sospensione fatta finora con le scadenze che troviamo a fronteggiare". La protesta delle agenzie di animazione ha incrociato quella delle mamme e delle insegnanti che, anche oggi, hanno manifestato davanti alla sede della Regione per chiedere la revoca dell'ordinanza con cui De Luca ha chiuso le scuole fino al prossimo 30 ottobre. Con loro, anche gli autisti degli scuolabus, penalizzati dal provvedimento regionale.  

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Tutte le foto

Modifica consenso Cookie