Nessun allarme Ateneo Stranieri per virus Cina

A Perugia molti giovani asiatici ma nessuno da area epidemia

Accoglie ormai da anni tanti studenti provenienti dalla Cina ma "tra i giovani di quella nazionalità iscritti ai corsi dell'Università per Stranieri di Perugia nei mesi di ottobre, novembre e dicembre 2019, nonché a gennaio 2020, non figurano provenienti dalla città di Wuhan, nella quale l'epidemia di coronavirus si è sviluppata": ad affermarlo, rispondendo all'ANSA, è il rettore Giuliana Grego Bolli.
    Quindi "nessun allarme" da parte dell'Ateneo del capoluogo umbro. Che accoglie attualmente oltre 2.300 studenti provenienti da ogni parte del mondo e soprattutto dall'Europa. Tra questi sono poco meno di 400 quelli provenienti dalla Cina (211 legati ai progetti Marco Polo-Turandot, 71 gli iscritti ai corsi ordinari di lingua italiana e un centinaio a quelli corsi di laurea), i quali rimangono il nucleo più forte dell'istituzione perugina.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie